QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Autorità di controllo della concorrenza infligge una multa di 30 milioni di grossisti di farmaci

L’Autorità belga per la concorrenza (BMA) ha multato il grossista di farmaci Pharma-Belgium-Belmedis per 29,8 milioni di dollari per accordi di mercato proibiti. Vibelko fugge dal jig come informatore. Younger Serp si rifiuta di accontentarsi per ora.

I tre grossisti farmaceutici sono stati giudicati colpevoli di violazione della legge sulla concorrenza. Così dice il cane da guardia della concorrenza BMA. Tuttavia, lo studio iniziato nel 2016 ha avuto tre risultati diversi.

Il più grande distributore di farmaci, Fableco Cooperativa, sta crescendo. Questo perché Fibelko era l’informatore che ha denunciato in dettaglio le violazioni alla BMA. Pharma Belgium-Belmedis deve pagare 29,8 milioni di euro. Questo è ancora il 40 percento in meno rispetto alla potenziale multa. Lo sconto è arrivato perché Pharma Belgium-Belmedis ha fornito ulteriori informazioni sulla falsificazione dei prezzi.

Il giocatore più giovane, il francese Serp, rifiuta di accettare l’accordo con il revisore dei conti e opta per una “procedura giudiziaria” in grembo alla BMA. Lì, il revisore fungerà da pubblico ministero e tenterà di presentare il suo caso.

vaccini antinfluenzali

Febelco e Pharma Belgium-Belmedis hanno concordato di applicare le stesse condizioni commerciali meno allettanti. Ad esempio, hanno concordato un sistema di prevendita per i vaccini antinfluenzali. I farmacisti non hanno ricevuto sconti e non sono stati accettati resi per i vaccini invenduti ordinati durante il periodo di prevendita. Questa pratica è durata da aprile 2003 a novembre 2016.

I distributori farmaceutici hanno anche tentato di rendere meno attraente la vendita diretta di prodotti dai laboratori farmaceutici ai farmacisti attraverso la tecnologia degli “ordini di trasferimento”. Gli ordini di trasferimento sono interessanti per le farmacie, in quanto consentono di ordinare grandi quantità di prodotti direttamente a determinate condizioni.

READ  Potrebbe essere necessario un "vaccino di richiamo" ogni due anni | Scienza

La multa inflitta dalla BMA arriva in un momento in cui i distributori di farmaci affermano che i loro margini sono troppo bassi a causa dei continui risparmi sui farmaci. Chiedono al governo di indicizzare il loro compenso.

Il ministro dell’Economia Pierre-Yves Dermann (PS) non è interessato a questo. “Il mondo viene sconvolto quando l’industria chiede più margini e più profitti, con il rischio di aumentare i prezzi dei farmaci per il paziente. L’intenzione non può essere che il governo paghi le multe che si è autoimposto.