QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lavori da casa in Google? Questo è meno profitto

I dipendenti di Google che scelgono di lavorare da casa in modo permanente dovranno probabilmente fornire una parte del loro stipendio. Soprattutto se vivono lontano dal lavoro.

Durante la pandemia, molte aziende hanno scoperto che lavorare da casa potrebbe non essere poi così male. Ma molti dei grandi colossi tecnologici della Silicon Valley preferivano in particolare più persone in ufficio. Ad esempio, Google ha ora effettuato un calcolo salariale per i dipendenti che desiderano lavorare da casa. Chi abita più lontano guadagnerà di meno. Anche Microsoft, Facebook e Twitter hanno elaborato un simile schema. I dipendenti che vivono lontano, e quindi spesso vivono in zone più economiche, guadagneranno di meno.

“I nostri vantaggi sono sempre stati determinati dalla posizione. Paghiamo sempre molto bene per dove vive qualcuno”. “Il nostro nuovo strumento di cantiere è stato sviluppato per aiutare i dipendenti a prendere decisioni informate sulla città in cui vivono e sull’impatto del lavoro da casa”.

Un dipendente di Google si è lamentato con Reuters che avrebbe dovuto pagare il 10% del suo stipendio se avesse dovuto lavorare da casa. Questo è mentre normalmente fa il pendolare per due ore per lavorare a Seattle. Un altro dipendente che lavora a Stamford, nel Connecticut, a un’ora di treno da New York, guadagnerebbe il 15% in meno di profitto se lavorasse da casa. Anche a Boston e San Francisco c’erano differenze dal 5 al 10 percento.

READ  Jan de Witt: Barco è in grado di affrontare la crisi