QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Le autorità mi obbligano a farlo’: donna si dà fuoco in diretta su Facebook dopo essere stata violentata da un politico | All’estero

Una donna stanca di 24 anni ha combattuto contro il sistema, non trovando altra via d’uscita dopo essere stata violentata da un politico che darsi fuoco davanti all’Alta Corte di Delhi. Un amico si è suicidato con lei. Trasmettendo il loro gesto disperato su Facebook Live, hanno raggiunto il loro ultimo obiettivo: il vergognoso trattamento riservato alle donne in India è tornato sotto i riflettori.




La giovane donna ha accusato un membro del parlamento del partito rurale Bhujan Samaj di averla violentata nella sua casa. La vittima aveva presentato una denuncia a maggio 2019 e il politico Atul Rai è stato arrestato un mese dopo. L’uomo nega le accuse, ma da allora è in carcere.

Tuttavia, la sua famiglia sta facendo del suo meglio per farlo uscire di prigione. Cercano anche di rendere la vita del suo avversario il più miserabile possibile.

Ad esempio, lo studente è stato accusato di frode a novembre, secondo quanto riportato dalla BBC. Secondo il fratello del sospettato, nel suo annuncio non avrebbe detto la verità sulla sua data di nascita.

triste punto basso

La polizia ha emesso un mandato di arresto all’inizio di questo mese per non aver trovato la donna nonostante diversi raid. Sciocchezze, i suoi genitori dicono “Indian Express”. “Mia figlia non si è mai nascosta. Non so perché abbiano emesso un mandato di arresto per lei. Era arrabbiata e delusa. Voglio che il governo reprima i poliziotti corrotti. Mia figlia è stata molestata e torturata”.

La lotta in corso con le autorità ha raggiunto un livello triste la scorsa settimana quando la donna si è recata con un’amica dallo stato settentrionale dell’Uttar Pradesh nella capitale, Delhi, per darsi fuoco. Prima del loro gesto disperato, trasmesso in diretta su Facebook, hanno accusato la polizia, la magistratura e i politici di esserne complici. Sono stati menzionati anche nomi specifici.

READ  Il Comitato delle Nazioni Unite per il clima pubblica il tanto atteso rapporto sul clima | Ambiente


“Le autorità ci costringono a morire dal novembre 2020”, ha detto con voce rotta. “Vogliamo che tutti voi lo sappiate. Il passo che stiamo per fare è doloroso e spaventoso. Siamo anche un po’ spaventati, ma non abbiamo altra scelta”.

molestie

Il duo è stato portato in ospedale, ma senza successo. Il corpo della studentessa si è rivelato bruciato per l’85 percento e l’altro ieri ha ceduto a un’insufficienza d’organo. Il suo compagno era già morto sabato scorso.

Si dice che il partito politico Rai abbia molestato e intimidito la vittima dall’annuncio nel 2019, dicono i suoi genitori. Secondo la BBC, due agenti che stavano indagando sulla denuncia contro la donna sono stati da allora sospesi. Volevano che chiudessimo il caso, ma non l’abbiamo fatto. Nonostante le minacce, mia figlia non voleva rinunciare alla lotta”, sembrava.

violentata ogni 15 minuti

Questa storia straziante fa parte di una serie di orribili crimini contro le donne in India. Sulla base dei dati del 2018, sembra che una vittima venga violentata ogni 15 minuti in quel paese.

Nel 2017 sono stati segnalati oltre 32.000 casi di stupro. Tuttavia, ci vuole molto tempo prima che i tribunali si pronunciano. “Praticamente non c’è protezione per le donne. Priyanka Gandhi Vadra, leader del partito del Congresso, si è lamentata su Twitter.

READ  La Spagna è scossa dalle violenze contro gli omosessuali: otto colpevoli mascherati scolpiscono nel corpo del giovane una parola di insulti

L’Uttar Pradesh è guidato dal Partito nazionalista indù guidato dal primo ministro indiano Narendra Modi ed è considerato lo stato più insicuro per le donne. Nel dicembre 2019, un gruppo di uomini di 23 anni è morto dopo essere stato dato alle fiamme da un gruppo di uomini. È successo quando voleva andare in tribunale per sporgere denuncia per stupro.

Le donne protestano per la loro situazione in India nel 2019 © Agenzia per la protezione dell’ambiente