QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le aziende belghe non vogliono lasciare la Russia

Insieme ai fornitori di dati Graydon e Creditsafe, questi giornali hanno scoperto che oltre 240 aziende belghe sono attive in Russia. Ciò riguarda sia le grandi che le piccole aziende, di settori come quello farmaceutico, della plastica e alimentare.

Quasi tutte queste aziende vogliono mantenere le loro attività in Russia. “I nostri 558 dipendenti in Russia sono cittadini comuni, famiglie normali”, afferma Bernard Thierre, CEO di West-Flemish Floor che copre il gruppo Unilin, ad esempio. Non chiedono la guerra in Ucraina e sono costantemente inondati di disinformazione. Non vogliamo punirli ulteriormente”.

critica delle sanzioni

Tutte le società condannano l’invasione dell’Ucraina, ma a volte criticano le sanzioni contro la Russia. “È un lavoro duro, una gara che sembra buona sui giornali, ma Putin non si ferma qui”, ha affermato Bart van Malderen, CEO e principale azionista del produttore di pannolini Drylock Technologies. “Punisci la popolazione solo con questo, mentre il russo medio non può farci nulla”.

Lo stato belga ha interessi anche in Russia. Il governo è infatti l’unico azionista del gruppo assicurativo del credito Delcredere, che ha sede in Russia con il marchio Credendo. La Russia, infatti, è di gran lunga il Paese più importante nel portafoglio del gruppo. Ciò ammonterebbe a più di quattro miliardi di euro. Non è chiaro a quale rischio sia esposto lo Stato belga a questo proposito.

READ  Annelies converte la vecchia casa quotata a Merelbeke nella sua casa dei sogni: "L'Illuminatore è la nostra più grande ricchezza" | La mia guida