QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le aziende farmaceutiche evitano la responsabilità per le malattie infettive emergenti

Agenzia per la protezione ambientale

NOVITÀ

  • Sander Zorhaki

    Editore sanitario

  • Sander Zorhaki

    Editore sanitario

Le grandi aziende farmaceutiche difficilmente investono nella ricerca sui virus emergenti, nonostante le esperienze con la pandemia di Corona. Questo è emerso da una ricerca condotta dalla popolare organizzazione Access to Medicine Foundation.

Secondo la onlus, gli investimenti non sono previsti perché la ricerca sulle nuove malattie infettive non è economicamente attraente. Gli esperti sono preoccupati. “Se il corona dimostra una cosa, è che una malattia infettiva che ha origine dall’altra parte del mondo può avere conseguenze devastanti qui”, afferma Chantal Blecker Rovers, professore di focolai di malattie infettive presso Radbodomic.

candela notturna

L’ultima ondata di corona è passata relativamente silenziosamente questo autunno. L’infezione da coronavirus e le precedenti vaccinazioni hanno portato a una certa resistenza tra molti olandesi. Inoltre, meno persone sentono il bisogno di ripetere lo scatto. Ci sono meno test per il raffreddore e sta iniziando a tornare alla normalità solo per presentarsi in ufficio con raffreddore e tosse.

Tornare alla normalità. Anche se l’epidemiologo di Bleeker Rovers, come la virologa Marion Koopmans, avverte che è ancora troppo presto per annunciare la fine della pandemia. Resta il consiglio di continuare i test se c’è una denuncia e di restare a casa se necessario.

Mentre secondo l’Organizzazione mondiale della sanità ci sono ancora abbastanza malattie infettive Il che potrebbe potenzialmente rappresentare una minaccia enorme per la salute pubblica globale.

Così si ripete un vecchio errore. Dopotutto, anche i nuovi coronavirus erano nella lista di allerta dell’OMS, ma nessuna ricerca significativa sui vaccini era stata condotta dalle principali aziende farmaceutiche. Quindi è diventato un problema globale.

“Hai visto la stessa cosa con l’epidemia di vaiolo delle scimmie la scorsa estate”, ha detto Bleecker Rovers. Questo anche perché negli ultimi anni non è stato fatto quasi nulla per combattere questa malattia contagiosa in Africa, mentre lì provoca infezioni da anni.

Una tragedia familiare

Il problema è che lavorare sui vaccini contro le malattie infettive emergenti non è redditizio per le aziende farmaceutiche. “Le persone nei paesi in via di sviluppo soffrono soprattutto di malattie infettive”, afferma Maren Verhoeff, direttore della ricerca presso la Access to Medicine Foundation.

“Questo non è tanto il caso dei paesi ad alto reddito come l’Occidente. Ed è proprio qui che le aziende farmaceutiche possono fare i loro soldi. Quindi si concentrano principalmente sullo sviluppo di farmaci contro malattie comuni come il cancro e le malattie cardiovascolari”.

Un mondo perfetto per i virus

Nel frattempo, però, è sempre più nell’interesse dell’Occidente fermare le malattie infettive emergenti. La popolazione mondiale è in aumento, soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Questo è l’ideale per la diffusione del virus. Ad esempio, negli slum creati dall’ulteriore urbanizzazione che sostituiscono anche gli habitat degli animali.

“Questo, a sua volta, porta a un contatto più intenso tra esseri umani e animali”, afferma Koopmans. “Questa combinazione con il cambiamento climatico e la migrazione rende anche possibile che le malattie infettive passino agli esseri umani e si diffondano rapidamente. Ciò significa che la posta in gioco è alta. “

Per sfondare le dannose forze di mercato, il CEPI è stato istituito nel 2017 durante la riunione del World Economic Forum. Una coalizione internazionale che, grazie al sostegno della Bill & Melinda Gates Foundation e di vari Paesi, ha potuto investire centinaia di milioni nello sviluppo del vaccino. Ad esempio, Moderna ha ricevuto finanziamenti per sviluppare con successo un vaccino a mRNA contro Corona.

`Profitti dalla ricerca sui vaccini Covid`

Secondo Koopmans, gli stati con programmi di finanziamento pubblico dovrebbero seguire gli sforzi del CEPI. Secondo lei, questo è l’unico modo per liberare strutturalmente il denaro se non c’è temporaneamente mercato.

“Allo stesso tempo, i prodotti farmaceutici hanno subito un enorme colpo finanziario con i vaccini Covid. Direi: come azienda farmaceutica, impazzisci e reinvesti parte dei profitti della ricerca nelle malattie infettive emergenti. Quindi hai immediatamente una grande capacità di ricerca per un a lungo.”