QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le balene sono le artefici dell’ecosistema oceanico

Una nuova ricerca mostra come la caccia di massa alle balene nell’ultimo secolo abbia sconvolto l’ecosistema oceanico. Non solo la popolazione di balene ha sofferto fino ad oggi, ma stranamente anche lo snack preferito dei giganti dell’oceano è diminuito.

Tra il 1910 e il 1970, gli esseri umani uccisero circa 1,5 milioni di balene per il loro grasso, carne e fanoni, il loro tessuto filtrante al posto dei denti.

Con questi fanoni i mammiferi marini filtrano il loro cibo dall’acqua. I balenotteri vivono principalmente di krill: piccoli crostacei di plancton che si trovano in grandi quantità in mare aperto. Ci si potrebbe aspettare che gli animali di cui si nutrono le balene prosperino quando la popolazione di balene viene decimata.

nuovo Ricerca della Stanford University che è vero il contrario: il ritiro delle balene negli oceani meridionali ha portato al ritiro del krill.

paradosso

La caccia alle balene ha causato la morte di almeno 1,5 milioni di balene nell’ultimo secolo. Secondo i ricercatori, questo significa che circa 400 milioni di tonnellate di krill non sono state ingerite.

Tutte le misurazioni ora mostrano che le scorte di krill non sono aumentate, ma sono diminuite drasticamente.

Ma tutte le misurazioni ora mostrano che lo stock di krill non è aumentato, ma è diminuito drasticamente. Rispetto all’inizio della caccia alle balene su larga scala – circa un secolo fa – ci sono fino all’80% in meno di krill nelle acque meridionali.

Cinquant’anni dopo aver smesso di cacciare le balene, ne stiamo ancora imparando l’impatto. “Il sistema oceanico non è più lo stesso”, ha detto Matthew Savoca della Stanford University.

Secondo lui, il risultato contraddittorio della sua ricerca mostra come la decimazione dei grandi mammiferi marini influisca sulla salute dell’oceano. “Stiamo ora studiando come possiamo utilizzare i nostri risultati per ripristinare gli ecosistemi oceanici e riportare le balene”, ha affermato il biologo marino.

Ha detto che riportare il numero di balene a livelli sani andrebbe a beneficio della biodiversità, della pesca e della capacità dell’oceano di immagazzinare anidride carbonica.

READ  Gli astronauti entrano nel modulo laboratorio ISS Nauka

Com’è?

Come si spiega questa contraddizione? Il krill esplode di ferro. Quando i fanatici mangiano il krill, espellono di nuovo questo ferro attraverso le loro feci. Questo fertilizzante è un nutriente importante per il fitoplancton, che sono organismi vegetali che galleggiano nell’acqua. E questi fitoplancton, a loro volta, sono il nutriente più importante per il krill.

La salute delle balene è strettamente correlata alla salute dell’intero ecosistema dell’oceano.

Leggi anche

Beckhair (CC0)

Poiché il krill è meno mangiato dalle balene a causa della caccia, la maggior parte del ferro scende sul fondo dove viene utilizzato di meno. Sebbene le balene consumino enormi quantità di krill, allo stesso tempo mantengono lo stock della loro preda principale. Quindi è una gola molto benefica per la catena alimentare.

I risultati mostrano che le balene svolgono un ruolo complesso nel funzionamento dei loro habitat, secondo i ricercatori: la salute delle balene è strettamente correlata alla salute dell’intero ecosistema oceanico.

Secondo i ricercatori, gli stock di balene potrebbero essere ripristinati se gli esseri umani fertilizzassero gli oceani con il ferro per promuovere la crescita del fitoplancton. In questo modo, la catena alimentare può crescere dal basso. Ciò ha anche benefici per il cambiamento climatico, poiché il fitoplancton è un’importante fonte di fotosintesi, rimuovendo così molta anidride carbonica dall’aria.