QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le case automobilistiche più ottimiste sui chip dopo la scarsità | aziende automobilistiche

Le case automobilistiche sono cautamente ottimiste sulla fine della scarsità di componenti high-tech, in particolare chip. Dall’anno scorso, quasi tutte le principali case automobilistiche hanno dovuto chiudere regolarmente le linee di produzione a causa della scarsità di questi componenti, ma ora i produttori vedono la gamma diventare leggermente più ampia.

Mercedes-Benz, Daimler Truck Holding e BMW, tra gli altri, affermano di aver ricevuto componenti elettronici sufficienti per produrlo a pieno regime. Questo punto di svolta arriva prima di quanto le aziende stesse si aspettassero. Allo stesso tempo, avvertono che esiste ancora la possibilità che la carenza possa interrompere nuovamente la produzione.

“Lo stiamo ancora monitorando su base settimanale, ma ora non abbiamo problemi a mantenere la produzione in funzione a livello globale”, afferma Jörg Burzer, responsabile della produzione e delle catene di approvvigionamento di Mercedes-Benz. Di tanto in tanto, ci sono ancora disordini, “ma non è paragonabile all’anno scorso”.

La BMW è anche più positiva e dice che tutte le fabbriche stanno funzionando. “La situazione al momento è un po’ più stabile”, ha detto un portavoce. La preoccupazione tedesca non può escludere la possibilità di continui disordini nelle prossime settimane a causa della carenza. Le cose vanno meglio rispetto allo scorso anno, “ma non ancora perfette”, afferma Karen Radstrom, responsabile del marchio Mercedes presso Daimler Truck.

Il produttore di camion DAF ha annunciato che la fornitura di componenti è migliore del previsto cinque settimane fa. “Negli Stati Uniti e in Europa possiamo costruire più velocemente”, ha affermato Harry Walters, presidente di Paccar.

La maggiore disponibilità di chip è in parte dovuta a prospettive economiche deboli dovute all’aumento dell’inflazione, alla guerra e all’aumento dei tassi di interesse. Ciò riduce la domanda di elettronica di consumo come smartphone e laptop, che utilizzano anche molti semiconduttori. Tuttavia, non tutte le case automobilistiche se ne accorgono immediatamente. Ad esempio, Volvo Trucks afferma di avere un numero limitato di chip disponibili. Ciò avrà un impatto sui risultati del secondo trimestre.

READ  Con Apple Pay, l'app di pagamento Bonsai di Anversa compete con il principale concorrente Payconiq | l'interno