QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le esportazioni di petrolio russo sono al livello più alto degli ultimi anni nonostante le sanzioni |  soldi

Le esportazioni di petrolio russo sono al livello più alto degli ultimi anni nonostante le sanzioni | soldi

Nonostante le crescenti sanzioni da parte dei paesi occidentali, la Russia è stata in grado di esportare la maggior parte del petrolio dall’aprile 2020 a marzo e il reddito derivante da tali esportazioni è stato molto inferiore, secondo i dati dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA).

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, le spedizioni di petrolio dalla Russia sono state in media di 8,1 milioni di barili al giorno, in aumento di 600.000 barili (di 159 litri) rispetto al mese precedente.

India e Cina

Inoltre, è aumentata in particolare la quantità di prodotti petroliferi esportati. A causa delle sanzioni occidentali, come l’embargo petrolifero dell’UE e i limiti massimi del prezzo del petrolio russo, la Russia ora esporta principalmente molto petrolio in India e Cina, ad esempio. In India, la Russia è il principale fornitore di petrolio per l’ottavo mese consecutivo.

compromesso

L’Unione europea, i paesi del G7 e l’Australia hanno raggiunto un accordo a febbraio sul tetto dei prezzi del greggio e dei prodotti petroliferi raffinati dalla Russia. Con questa misura, l’Occidente voleva frenare le entrate del Cremlino dalla vendita di petrolio e rendere più difficile il finanziamento della guerra in Ucraina.

A causa di queste sanzioni, i commercianti possono contrattare in modo significativo sui prezzi, il che di conseguenza mette sotto pressione le entrate petrolifere della Russia. Il mese scorso, i proventi delle esportazioni di petrolio verso la Russia ammontavano a 12,7 miliardi di dollari (11,5 miliardi di euro). Sebbene si tratti di 1 miliardo di dollari in più rispetto a febbraio, si tratta di una diminuzione del 43% rispetto all’anno precedente.

READ  Bitcoin continua a scendere, anche se i mercati azionari salgono di nuovo | Economia

Il presidente russo Vladimir Putin. ©AP

Dolore extra per i consumatori?

L’Agenzia internazionale per l’energia ha anche scritto nel suo rapporto mensile sul mercato petrolifero che i tagli alla produzione dell’OPEC + aumentano le possibilità di una carenza nel mercato petrolifero nella seconda metà di quest’anno.

L’OPEC+ taglierà ulteriormente la produzione per sostenere i prezzi. Ciò ha già portato negli ultimi tempi a un aumento significativo dei prezzi del petrolio. L’Agenzia internazionale per l’energia afferma che questi prezzi più elevati potrebbero spingere nuovamente l’inflazione verso l’alto, causando più dolore ai consumatori, specialmente nei paesi poveri.

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) a guida saudita ha riferito giovedì che è probabile che nel quarto trimestre si verifichi un deficit nel mercato petrolifero globale. OPEC + è la partnership del cartello petrolifero con paesi come la Russia.