QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le infezioni dei legionari sono in forte aumento, in parte a causa del cambiamento climatico

L’anno scorso più persone sono state infettate dalla Legionella che mai. Mentre quel numero ha oscillato tra 450 e 550 infezioni all’anno negli ultimi anni, ci sono state 658 infezioni nel 2021. La maggior parte dei pazienti finisce in ospedale con la polmonite, ma alcuni muoiono per infezione. Dieci anni fa i morti erano 20, nel 2021 erano 31.

Esther Pott, 53 anni, non si è ancora ripresa dall’infezione da Legionella che ha contratto la scorsa estate. “E’ stato davvero doloroso”. Leggi l’intervista qui.

Il colpevole è un batterio che vive in acqua con una temperatura di 20-50 gradi. Se quest’acqua calda entra nell’aria tramite goccioline, ad esempio sotto la doccia, i batteri possono finire nei polmoni e causare infiammazioni.

Alte temperature e forti piogge

Non esiste un’unica spiegazione per l’aumento del numero di infezioni, afferma Petra Prandsima, epidemiologa del RIVM. “Uno dei motivi è il cambiamento del tempo, in particolare l’aumento della temperatura con forti piogge. I batteri vengono spesso rilasciati nell’aria a causa degli schizzi d’acqua nel traffico, ma anche perché gli edifici per uffici si stanno raffreddando. Il caldo consente loro anche di sopravvivere più a lungo e di diffondersi più facilmente Dopo la pioggia Sotto la pioggia, a volte vediamo un aumento significativo del numero di infortuni. Medici e laboratori dovrebbero segnalare qualsiasi infezione a GGD.

Altri motivi sono più vicini a casa. Prandema: “Negli ultimi anni 1 infezione su 25 è da ricondurre all’uso dei bagni di bolle, che stanno diventando sempre più comuni. La legionella cresce in un bagno così caldo, quindi dovresti pulire e disinfettare regolarmente le vasche idromassaggio o vasche idromassaggio secondo il istruzioni per l’uso Anche i dispositivi per l’apnea sono sempre più una fonte di infezione e anche la loro manutenzione è fondamentale”.

Le persone anziane sono le più a rischio

In generale, gli anziani sono i più a rischio. Ciò si riflette anche nell’aumento del numero di segnalazioni. Inoltre, più uomini si trovano nella zona di pericolo rispetto alle donne, in particolare i fumatori.

Secondo la Veterans Foundation, che rappresenta gli interessi dei pazienti, il numero effettivo di infezioni nei Paesi Bassi è molto più alto dei rapporti ufficiali, perché non tutte le infezioni sono riconosciute come Legionella.

L’Associazione Pazienti crede nella necessità di tutelare meglio i cittadini. “In Belgio, il pubblico viene immediatamente avvisato se un sistema di irrigazione agricolo viene identificato più volte come fonte”, afferma la segretaria Diana Snyder. “Questo non accade nei Paesi Bassi”.

Leggi anche:

Esther Bot infettato da Legionella: La morte non era lontana

Avvertì all’inizio della conversazione che spesso doveva pensare un po’ più a lungo a una domanda. Esther Pott, 53 anni, non si è ancora ripresa dall’infezione da Legionella che ha contratto la scorsa estate. “È stato davvero doloroso”.

Dopo Corona arriva il killer silenzioso Legionella: “La paura della contaminazione è reale”

I batteri della Legionella si depositano nell’acqua stagnante tra i 20 ei 50 gradi Celsius. Quando palestre e hotel hanno ricominciato a installarli dopo il tempo di Corona, c’era Preoccupati per i loro tubi dell’acqua.

READ  Due dosi di vaccinazione HPV per tutte le età