QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le persone che vedono il mondo come soleggiato hanno meno probabilità di procrastinare

Le persone che vedono il mondo come soleggiato hanno meno probabilità di procrastinare

Questo perché, secondo una nuova ricerca dell’Università di Harvard, le persone con una visione ottimistica hanno meno paura dei risultati dei loro compiti. Università di Tokio.

L’idea che gli ottimisti non sono sempre realistici è assolutamente vera. Precedenti ricerche hanno dimostrato che le persone che vedono il mondo attraverso occhiali color rosa possono trascurare i rischi reali. Ad esempio, avvisi come “Il fumo uccide” non funzionano se le persone stimano che il rischio sia piccolo, come ha spiegato in precedenza la ricercatrice Tali Sharot. Scientias.nl. Ma idee come forse il coronavirus non è poi così male o che fermeremo il riscaldamento globale in tempo mostrano anche il lato negativo della positività, dicono gli studi: se siamo troppo ottimisti, ci impedisce di agire.

Ma non tutti dobbiamo guardare il bicchiere mezzo vuoto. Anche una sana dose di ottimismo ha molti vantaggi. Gli ottimisti possono gestire meglio le preoccupazioni sugli eventi futuri, hanno un minor rischio di malattie cardiovascolari e vivono più a lungo. Ricercatori di Università di Tokio In un recente studio hanno scoperto un nuovo vantaggio dell’ottimismo: previene la procrastinazione.

Visioni del futuro
Questo è ciò che ha scoperto la ricercatrice Saya Kashiwakura Scuola di specializzazione in arti e scienze A Università di Tokio. Insieme al professor Kazuo Hiraki, ha intervistato quasi trecento ventenni giapponesi sulle loro idee sullo stress e sul benessere e su come queste idee sono cambiate per loro nel tempo. Per fare ciò, i partecipanti hanno dovuto ricercare le esperienze relative allo stress e al benessere da dieci anni fa ad oggi e riflettere sulle loro aspettative al riguardo per i prossimi dieci anni.

READ  Messaggio luminoso MS: il cuore sotto la cintura per le persone con sclerosi multipla

pressione
In base alle risposte i partecipanti sono stati divisi in diversi gruppi. Inizialmente venivano raggruppati in base alle loro previsioni per il futuro. All’interno di questi gruppi, i ricercatori hanno esaminato il grado di procrastinazione tra i partecipanti. Questo dettaglio ha mostrato che non solo il grado di stress sperimentato in precedenza ha avuto un ruolo nella procrastinazione, ma anche il modo in cui i partecipanti vedevano quello stress e come la percezione dello stesso cambiava nel tempo. “Le persone ottimiste che credono che lo stress non aumenterà in futuro sembrano essere meno inclini a pericolose abitudini di procrastinazione”, spiega Kashiwakura.

Pulire invece di studiare
La ricercatrice si rende conto dalla propria vita che la paura del futuro è motivo di procrastinazione. “Ho lottato contro la procrastinazione fin da quando ero bambino. Pulivo la mia stanza quando dovevo studiare per un esame e davo priorità alla pratica dell’aikido rispetto alla ricerca post-dottorato. L’abitudine di rimandare compiti importanti era una sfida costante”, ha detto Kashiwakura un motivo personale, dice il ricercatore: “Quando ho capito che non volevo affrontare l’impatto futuro delle mie azioni, ho deciso che il mio comportamento doveva cambiare”.

formazione scolastica
I ricercatori vogliono utilizzare queste conoscenze per sviluppare nuovi modi per indurre le persone a vedere le cose in modo più ottimistico al fine di combattere la procrastinazione. “Ci auguriamo che i nostri risultati possano essere utili nel settore dell’istruzione”, afferma Kashiwakura. “Crediamo che gli studenti otterranno risultati migliori e si sentiranno più benessere se riusciranno a comprendere scientificamente la loro tendenza a procrastinare e a lavorare attivamente per migliorarla, invece di incolpare se stessi”.

READ  "Agli uomini non piace parlare della prostata o dei testicoli" Ma il cancro alla prostata uccide 3.000 persone ogni anno

Questa conoscenza ha già aiutato Kashiwakura nella sua vita. “Questo risultato mi ha aiutato ad avere una prospettiva più leggera sul futuro, determinando un approccio più diretto e meno procrastinazione”.

Sbarazzarsi delle scadenze
Per portare a termine qualcosa, spesso imponiamo delle scadenze a noi stessi o agli altri. Ma sorprendentemente, non fissare una scadenza sembra essere la soluzione più efficace. Ciò è dovuto, secondo i ricercatori, al principio “la procrastinazione porta all’adattamento”. Inoltre, le scadenze indicano l’importanza e l’urgenza del compito. “Una scadenza più lunga dice alle persone che il compito non è urgente o importante, il che dà loro il permesso di procrastinare”.