QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le persone in Calabria, la regione più povera d’Italia, stanno protestando contro la deplorevole assistenza sanitaria

Nella regione meridionale italiana della Calabria, la popolazione locale, insieme a molte associazioni di beneficenza volontarie, sta conducendo una campagna per condannare il cattivo sistema sanitario pubblico. Occupano ospedali chiusi che riaprono in autogestione e offrono procedure di medico di base gratuite. L’epidemia ha rivelato l’amaro fascino delle misure di austerità neoliberali nell’assistenza sanitaria negli ultimi decenni.

Da una ONG umanitaria Emergenza Internazionale È presente da molti anni nella regione meridionale italiana della Calabria, compresa una pratica comune nel comune della Polinesia. L’organizzazione fornisce cure mediche gratuite nei campi intorno al paese di Gioia Taro, dove migliaia di immigrati vengono ogni anno per la raccolta degli agrumi – e lavorano in condizioni vergognose. Anche il trattamento di emergenza per i più svantaggiati prevede questo servizio gratuito.

Tuttavia, di fronte all’epidemia, l’emergenza ha assunto una nuova sfida: gestire il reparto finora abbandonato del Croton General Hospital, un piccolo paese sul Mar Ionio.

“La Protezione Civile ci ha contattato per fornire assistenza durante l’emergenza Covit-19. Tuttavia, non abbiamo mai subito un intervento chirurgico da un ospedale generale”, ha affermato Rosella Misio, portavoce dell’emergenza dopo la sua esperienza al Croton Hospital.

Cataldo Curia fu tra coloro che occuparono l’ospedale di Carriati. Foto: Giacomo Greco

“Non ci piacevano le tende per i pazienti. Dopotutto, era inverno, pioveva e faceva freddo. Siamo riusciti a prendere il reparto vuoto di un edificio ospedaliero e siamo stati in grado di seguire le regole del governo con la direzione dell’ospedale. Siamo attualmente collabora con (para) personale medico.

Da un punto di vista umano e professionale, questa si è rivelata una prova enorme. “Ricordo ancora il caloroso benvenuto per le strade quando i residenti ci hanno riconosciuto”, ha detto la donna. “Crediamo di avere un futuro positivo. Questa esperienza ci insegna che la salute pubblica deve essere rafforzata.

Un portavoce del pronto soccorso ha proseguito: “Sia i medici che gli infermieri sono ben preparati. Hanno fatto di tutto per soddisfare le esigenze delle persone. Tuttavia, molti anni di risparmi nella sanità pubblica hanno lasciato il segno. Questa assistenza di emergenza è di fondamentale importanza e in assenza di personale. L’intervento di emergenza è importante anche in quanto le strutture sanitarie sono chiuse a causa di decisioni politiche di rappresentanti che non si preoccupano della salute dei propri cittadini.

READ  Incidente minibus in Italia: un morto e 28 feriti

Tra il 2010 e il 2019, l’Italia ha deciso di ridurre la salute pubblica, uno dei diritti umani fondamentali. Ciò è stato fatto in perfetta sintonia con la politica di austerità perseguita principalmente dai governi Berlusconi e Monty.

Come indicato in esso Rapporto 7/2019 La Fondazione Gimbe’s (organizzazione di ricerca indipendente senza scopo di lucro per un sistema sanitario migliore) ha speso meno di 37 miliardi di yen in sanità dal governo italiano negli ultimi dieci anni. Il dimezzamento di queste risorse ha portato ad una drastica riduzione del numero di posti letto per i pazienti più a rischio.

Sono stati tagliati anche i posti di lavoro per il personale medico e paramedico. Inoltre, non è stato assunto nuovo personale. Il resto dell’UE spende in media 5.572 in assistenza sanitaria, mentre l’Italia ne investe solo 47 2.473 in assistenza pubblica (Salute in sintesi Europa, 2020, OESO)

L’infezione ha rivelato la gravità di questi difetti. Sebbene il sistema sanitario sia una capacità nazionale, ogni regione italiana decide arbitrariamente sulla propria politica sanitaria. Da un lato ha dato più spazio alle manovre, ma dall’altro ha fatto grandi differenze tra ricchi e poveri. La Calabria, un tempo culla dell’impero greco, è oggi una delle zone più povere d’Italia.

Dopo diversi anni di detrazioni, la Calabria ha dovuto far fronte nel 2010 a un debito pubblico di 7 187,5 milioni. La carenza di fondi è enorme. Ecco perché il governo nazionale ha nominato un commissario statale con il compito di ridurre questo deficit.

Con il passare degli anni i commissari si succedettero, ma il deficit di bilancio della regione Calabria continuò a crescere. In 11 anni sono stati rimossi diciotto ospedali pubblici, principalmente nella provincia di Cocenza, una delle zone più popolose della regione.

READ  Joe Petrosino e l'albero più grande di Palermo

Nel comune di Priya A. Mere, sulla costa tirrenica, l’ospedale generale è stato chiuso nel 2011 nonostante un avanzo di bilancio. Deve esserci una fine a questa perdita finanziaria causata da Nthrangetta[1], Privatizzazione e sanità pubblica passiva”, spiega Giovanna Pedule La salute è vita (“La salute è vita”).

Un paziente sta aspettando il medico nella sala d’attesa dell’ospedale. Foto: Giacomo Greco

La chiusura o la riduzione delle strutture pubbliche ha ora creato una serie di problemi per i residenti in cerca di cure in altre città italiane, se possono permetterselo. La Calabria costa மில்லியன் 220 milioni all’anno per curare i pazienti calabresi a Milano, Roma e Bologna.

In altre parole, sono i costi sostenuti dagli artisti stessi. Tuttavia, vivono nella terza parte più povera dell’UE e nella parte più povera dell’Italia. Ad esempio, nel 2020 è stato registrato un tasso di disoccupazione del 20,1 per cento (Eurostat, 2020).

La situazione è simile nei comuni di Priya A. Mara e Cariati, pochi chilometri a nord di Crotone. L’ospedale è chiuso da dieci anni. È l’unico servizio sanitario rimasto delle autorità locali sulla spiaggia ionica lunga 105 km in provincia di Cocenza.

L’Associazione Zorgverstrekkers van de Health è Vita Onlas. Foto: La salute è vita onlas

I restanti servizi sanitari governativi sono ora a Rosano. “Il pronto soccorso non è vicino. Non stiamo chiedendo un grande ospedale in ogni città, ma in molte posizioni strategiche”, ha detto il dottor Cadaldo Formaro, radiologo in pensione tornato al lavoro durante le epidemie. Uno è il medico.

“Se alcune malattie possono essere diagnosticate dopo un’ora, le possibilità di sopravvivenza si riducono del 10 o del 20 per cento. Ciò dimostra che l’aiuto immediato in caso di emergenza non è più garantito.

READ  La squadra B italiana si consolida con una vittoria a buon mercato contro la coda...

E aggiunge: “Lo standard nazionale italiano è di 3,2 posti letto per pazienti critici ogni mille pazienti, mentre l’Ue fissa lo standard per 4,65 posti letto. Sulla costa ionica è solo 0,94. Senza l’attuale emergenza sanitaria, non basterebbe.

Il sit-in al vecchio ospedale di Cariati va avanti da mesi e si intreccia con proteste, blocchi stradali e cortei che dall’autunno del 2020 hanno incendiato le piazze della Calabria. “Senza l’ospedale, siamo già diventati una ‘zona rossa’ con più di cento contagi”, afferma Vitoria. femm. Nel cosantino a Lotta, Una partnership femminista che è stata a lungo impegnata a denunciare le carenze della sanità pubblica e delle politiche di complicità.

“I pazienti hanno dovuto aspettare in ambulanza davanti all’ospedale di Cosenza. Ci sono morte delle persone, il che è inaccettabile. Il governo federale deve intervenire.

“Chiediamo la fine del mandato del commissario straordinario. Chiediamo salute pubblica, non contratti con gli ospedali privati. Negli anni hanno creato un sistema sanitario parallelo attorno al quale i politici locali hanno fatto campagna per creare i propri clienti”.

“La Calabria merita rispetto”, conclude. La nostra formazione medica dovrebbe essere una stanza per coloro che hanno speso molti anni sprecando enormi somme di denaro per la salute pubblica. Grazie al nostro lavoro di volontariato qui, sosteniamo tutti coloro che non possono permettersi cure mediche. Le mobilitazioni collettive hanno reso disponibili i farmaci. Abbiamo anche un contact center.

“Servono reti che conoscano il territorio e la gente. Il governo, che ci ha trascurato per anni, deve riaprire questo luogo”, spiega Stefano dell’ospedale autonomo del centro storico di Cosenza. È ora di mollarla e trasferirsi sopra. “

Nota:

[1] Ndrangheta è il nome della mafia calabrese (probabilmente “uomini coraggiosi” in greco antico).