QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le pillole corona ci libereranno dall’epidemia?

Gli inibitori della corona orale sono già stati acquistati, ma cosa possiamo aspettarci da quei farmaci? Spiegano gli esperti Stephen Van Gucht e Johan Niets.

I primi trattamenti inizieranno con le compresse contro il corona questo mese. Attualmente solo in pazienti ad alto rischio. I farmaci più discussi sono Paxlovid e Molnupiravir. Entrambi dovrebbero essere in grado di impedire la riproduzione del virus.

Il virologo Stephen van Gucht afferma che Baxlovid (di Pfizer) lavora sulle proteine ​​del virus Giornale. Di conseguenza, le proteine ​​non possono più essere sintetizzate in modo normale e corretto e il virus perde una parte importante dei suoi elementi costitutivi di base. Molnupiravir agisce quindi sull’RNA, il materiale genetico del virus che non può più essere copiato correttamente.

Quindi entrambi i farmaci impediscono la replicazione del virus, afferma Van Guchte.

Paxlovid è stato creato appositamente contro il coronavirus. L’altro farmaco è stato ideato per fermare il virus dell’influenza, secondo il virologo Johann Niets Giornale. Secondo lui, è quindi meno potente e meno efficiente contro l’aura.

Quando le persone mostrano i loro primi sintomi e vengono trattate, negli studi clinici, vediamo che baxlovid significa una riduzione dell’89% delle possibilità che la corona porti al ricovero o alla morte, secondo NETs. Con molnupiravir questo è del 30 percento. Ma neanche questo è un brutto numero, dice Nets. Il suo collega Van Guchte sottolinea che questi studi sono studi relativamente piccoli, e quindi non è certo che entrambi i farmaci alla fine otterranno lo stesso risultato nella pratica.

Ci sono anche altri istituti di ricerca che lavorano nel campo della medicina. Gilead, ad esempio, sta lavorando con Remdesivir, un farmaco che era già stato utilizzato (da IV) quando le persone sono finite in ospedale. E questo si è rivelato troppo tardi, secondo Nets. Quando i pazienti ad alto rischio vengono trattati precocemente, entro sette giorni dalla comparsa dei primi sintomi, il farmaco funziona bene. Nets ricorda che Gilead sta ora lavorando su una versione orale del farmaco.

READ  Peltiger Rena Stam scrive in Francia "Cos'è oggi?" Un libro triste e talvolta divertente sulla demenza

A rigor di termini, i farmaci possono essere utilizzati anche a scopo profilattico. Ma non è questo il punto. Van Guchte dice che non c’è nemmeno l’intenzione di usare i farmaci su tutti coloro che sono risultati positivi. Nel primo anno i farmaci verranno somministrati principalmente alle persone più a rischio: gli anziani con problemi di base, ad esempio i malati di cancro…

Van Gucht, ad esempio, teme che un uso troppo diffuso di farmaci possa far sì che il virus impari a bypassare il farmaco. Sebbene gli studi preliminari indichino che questo non è facile per il virus. I medicinali non saranno economici. Negli Stati Uniti, ad esempio, il costo del trattamento con le compresse Pfizer è di 470 euro.

Pertanto, le pillole non sono immediatamente un enorme punto di svolta nella lotta contro Corona. Secondo Stephen van Guchte, non esiste un unico punto di svolta: è una raccolta di misure come regole di distanziamento, maschere per la bocca e vaccinazioni. Ma dice che i farmaci ci aiuteranno. “Sono molto ottimista al riguardo, è un’utile aggiunta al nostro arsenale di armi contro il virus”.

Nets sottolinea che l’importanza dei farmaci non deve essere sottovalutata: se si assicurano efficacemente che le persone non finiscano in ospedale, la pressione

Leggi anche: Pfizer promette una rivoluzione contro l’epidemia con le pillole Corona