QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le tasse sui voli brevi preoccupano Brussels Airlines

I viaggi brevi in ​​aereo non dovrebbero essere incoraggiati con una tassa. Il settore dell’aviazione è preoccupato.

Chi sale su un aereo su un volo di meno di 500 km dovrà presto pagare una tassa sul biglietto. Attraverso la cosiddetta “tassa d’imbarco”, il governo vuole combattere l’inquinamento da tali voli. La tassa dovrebbe raccogliere anche 30 milioni di euro. Non ci sono ancora molte informazioni concrete. A quanto ammonta la tassa di imbarco e se deve essere pagata su ogni volo breve: queste modalità sembrano non essere ancora state stabilite.

Questo è esattamente ciò che rende nervoso il settore dell’aviazione. “Non siamo contro la tassa, ma non dovrebbe causare danni alla concorrenza”, afferma Mikey Andres, portavoce di Brussels Airlines. Pensa ai passeggeri che fanno viaggi brevi per poi passare a un volo a lungo raggio. Secondo lei, quasi tutti i viaggiatori che viaggiano da Bruxelles a Parigi fanno questo: si trasferiscono lì per un viaggio in Africa. La compagnia vuole che questi passeggeri trasportati rimangano esenti da tasse. “Questo è anche il caso di Amsterdam, Francoforte, Parigi o Londra”, afferma Andres. Se anche quei passeggeri devono pagare quella tassa, quel traffico si sposterà lì. Quindi non hai alcun beneficio climatico e il nostro modello di hub non è adatto.

L’organizzazione dell’aviazione belga PATA afferma che è meglio adottare tali misure a livello europeo o addirittura globale. Allo stesso tempo, sostiene di investire il gettito fiscale nell'”inverdimento del settore dell’aviazione”.

READ  Lunedì 19 luglio, $ 1,5 miliardi di azioni bitcoin sul mercato, il prezzo sta salendo o scendendo? - BTC Live