QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le vittime delle inondazioni del Pakistan ora affrontano malattie e morsi di serpente | All’estero

Almeno 26 persone sono state uccise sabato. La maggior parte dei morti si trovava nella provincia meridionale del Sindh più colpita. Lì, il fiume più grande del Pakistan, l’Indo, minaccia di causare un’altra inondazione, poiché le acque lo amplificano dalle montagne nel nord del paese.

Secondo l’ultimo aggiornamento della National Disaster Agency, i disastri naturali causati dai cambiamenti climatici – o almeno correlati – che hanno colpito il Pakistan da giugno hanno ucciso almeno 1.290 persone. Per il terzo giorno consecutivo, domenica è in corso un’importante operazione di salvataggio nel Sindh per liberare centinaia di migliaia di persone intrappolate in villaggi remoti.

Almeno mezzo milione di sopravvissuti vive in rifugi fatti da sé e non ha accesso ad acqua potabile pulita, latrine e altri servizi igienici. Ora ci sono molte malattie trasmesse attraverso l’acqua.

Il personale ospedaliero e le organizzazioni umanitarie devono già curare più di 150.000 pazienti con diarrea, più di 100.000 con infezioni della pelle e migliaia con malaria. Di solito sono curati negli ospedali da campo. Inoltre, più di 100 persone sono già state morse da serpenti e più di 500 da cani nelle zone colpite.

Almeno fino a martedì, continuerà a piovere sulle montagne del nord del Pakistan.

READ  Lavrov: "Gli Stati Uniti rendono più difficili i negoziati con l'Ucraina e la cooperazione con la Cina si rafforza"