QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’economia italiana è particolarmente sensibile ai cambiamenti climatici; L’agricoltura e il turismo saranno particolarmente colpiti

Sotto l’influenza del cambiamento climatico, il PIL pro capite in Italia potrebbe dover rappresentare un calo compreso tra il 2,8% e il 9,5% entro la fine di questo secolo, è stato avvertito.

fallito

Lo studio indica le implicazioni più ampie del cambiamento climatico. “Le aziende situate in regioni soggette a frane e inondazioni sono più a rischio di fallimento rispetto a quelle situate in altre parti del Paese”, osservano gli analisti della Banca nazionale d’Italia.

“Va anche tenuto conto del fatto che le alte temperature e l’inquinamento hanno un impatto sulle prestazioni umane. Nelle giornate calde, gli studenti ottengono scarsi risultati nei test, mentre la scarsa qualità dell’aria porta a un numero elevato di incidenti sul lavoro.

Stato di emergenza per siccità

L’Italia sta già risentendo degli effetti del cambiamento climatico, affermano gli analisti. “A luglio il governo italiano ha dovuto dichiarare lo stato di emergenza nell’area intorno al Po, fiume che scorre in una vasta area del nord del Paese”, ha osservato.

“La Pianura Padana è responsabile di un terzo della produzione agricola totale del Paese, ma sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi 70 anni”, hanno affermato i ricercatori. “Ampie sezioni del fiume si sono completamente prosciugate la scorsa estate”.

Nel settore del turismo, pilastro principale dell’economia italiana, gli sport invernali subiranno il maggiore impatto dei cambiamenti climatici, secondo lo studio. “La diminuzione delle nevicate farà perdere popolarità alle Alpi come destinazione turistica”, affermano i ricercatori.

leggi di più: Quanto è stabile l’Italia?

Niente neve

“I comprensori sciistici a bassa quota sono esposti ai maggiori rischi. Dopotutto, l’assenza di vera neve non può essere completamente sostituita da un sostituto artificiale.

READ  Meno mele in Italia di quanto inizialmente previsto

Le temperature in Italia dovrebbero aumentare di 2°C entro la metà di questo secolo. “Ma negli scenari peggiori, ci si dovrebbe aspettare un aumento molto maggiore”, osservano i ricercatori.

“Le precipitazioni estive dovrebbero diminuire, soprattutto al centro e al sud del Paese. Allo stesso tempo, si deve temere che l’intensità di queste precipitazioni aumenti. In generale, va tenuto conto dell’aumento degli eventi meteorologici estremi account.

proprietà

Va inoltre notato che il numero di giorni con temperature elevate rallenta l’avvio di nuove attività e porta a uscite più rapide dal mercato. Inoltre, si sostiene che le inondazioni interrompono il funzionamento delle imprese in tutti i settori.

Gli analisti sottolineano inoltre che le alte temperature hanno un impatto sfavorevole sul mercato immobiliare. “Le condizioni climatiche calde stanno scoraggiando i potenziali acquirenti dal cercare casa”, afferma.

camminare dietro

Pertanto, dovrebbero essere compiuti sforzi per ridurre l’impatto del cambiamento climatico, suggeriscono i ricercatori. Questi includono incentivi per costruire pannelli solari, una gestione più efficiente dei rifiuti e investimenti in tecnologie sostenibili.

Gli analisti citano anche il settore automobilistico italiano. Dopo la metà dell’ultimo decennio, le case automobilistiche italiane hanno acquisito le competenze necessarie per affrontare il passaggio alla mobilità elettrica, ma sono ancora indietro rispetto alle rivali francesi e tedesche.

leggi di più: I jet privati ​​emettono da 5 a 7 volte più CO2, Max Verstappen non può guidare?