QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’economista laburista Stijn Burt respinge il piano pensionistico di Laleaux: “Questo piano è un sogno di bilancio” | Discutere di pensioni

L’economista laburista Stijn Burt (UGent) ritiene insostenibile la proposta del segretario alle pensioni Karen Lallio (PS) e chiede all’Ufficio di pianificazione di analizzarne scientificamente le implicazioni. “Questo piano è una benedizione in termini di budget”, afferma Burt. Ha invitato i partiti fiamminghi nel governo federale ad attendere uno studio documentato prima di avviare discussioni sostanziali sulla riforma delle pensioni.




Lalieux lanciato oggi nel nostro giornale Le linee principali della tanto attesa riforma delle pensioni parte dal presupposto che un lavoro dopo 42 anni porta al pensionamento anticipato. Per ogni giorno lavorativo successivo ai 42 anni si aggiunge un bonus pensione di 2 euro e una promozione pensionistica part-time per i senior. Il piano non è stato ancora negoziato.

Ma l’economista del lavoro Stijn Baert è già scettico sull’accessibilità economica del sistema e sui suoi effetti sul tasso di occupazione. Il che, a suo avviso, è “incredibile e una smentita degli studi scientifici esistenti”. Il compenso con un bonus pensione di 2€ al giorno non manterrà più molti anziani al lavoro.

“Questo è molto simile all’importo della pensione precedente, che è anche di circa due euro al giorno”, afferma Bert. A quel tempo furono condotti molti studi, anche dal Consiglio supremo delle finanze e dal Consiglio supremo dell’occupazione. Hanno dimostrato che l’effetto è molto piccolo. Perché alcuni anziani correranno più a lungo, ma altri raggiungono velocemente la cifra necessaria e decidono comunque di fermarsi. È una misura interessante, perché è giusta. Ma l’effetto è molto piccolo”.

Fantascienza

Anche l’offerta di pensionamento a tempo parziale ha effetti sfavorevoli. “A breve termine, può essere vantaggioso per le donne. Ma a lungo termine è alquanto sfavorevole, perché le persone che continueranno a lavorare a tempo pieno vanno in pensione a tempo parziale, il che a sua volta riduce il tasso di occupazione. Aspettatevi un impatto positivo sul bilancio da questo contrasta con le conclusioni scientifiche.”

READ  "La mobilità di Bruxelles non ha una propria rete stradale"

Ciò significa che il tasso di occupazione non seguirà, “e le nostre carriere sono già tra le più brevi in ​​Europa”, afferma Burt. Le diverse parti del piano devono essere studiate a fondo. “E non dalla sua amministrazione o governo, ma da un organismo con potere”. Per quanto riguarda Burt, la logica economica sottostante è “il tipo di fantascienza che ti aspetteresti solo nei dati elettorali”.

Tuttavia, l’accademico vede spazio anche per i vantaggi rispetto ai dipendenti che svolgono un’occupazione impegnativa da molto tempo, con un sistema a punti in cui le occupazioni pesanti hanno più peso nel calcolare quando una persona ha diritto a una pensione. “Sono pienamente d’accordo sul fatto che i lavori che riducono la qualità della vita e accorciano la durata della vita dovrebbero portare al pensionamento anticipato. Ma non se nessuno deve lavorare di più o di più. Quindi non è neutrale rispetto al budget e il registratore di cassa non è corretto. Quindi il Il disegno di legge è passato alla fine alla prossima generazione, ed è esattamente ciò che il ministro propone a questo proposito”.

inizia a fare offerte

L’ufficio di pianificazione deve prima esaminare a fondo la proposta, come per i piani di ammortamento. Penso che risulterà che questo abbasserà il tasso di occupazione. Tuttavia, le ambizioni del bilancio federale sono legate a un aumento del tasso di occupazione all’80%». Un resoconto dell’Ufficio di pianificazione potrebbe sostenere questa ipotesi, dopodiché potrebbero iniziare le trattative tra governo fiammingo e governo federale.

Bert ha affinato i principi incarnati nella proposta del ministro del Partito Socialista. “Questo budget è un castello in aria”, sembrava. “Ovviamente è un’offerta introduttiva. Ma il ministro l’ha sostenuta con tutti i tipi di argomenti che penso non siano corretti”. Se i partiti fiamminghi avessero in mano i numeri degli uffici di pianificazione, “potrebbero sbarazzarsene completamente”, crede l’economista UGent.

READ  La carica simbolica di Germania e Ungheria: "Speriamo che gli ungheresi perdano in modo spettacolare"

discussioni accese

Anche l’economista Yves Marx (Anversa) è importante. “Vedo che il dibattito è iniziato con una serie di proposte, ma lei presume che quando il governo fa il piano pensionistico, questo è stato discusso anche internamente, calcolato, pensato e testato. Questo sembra non essere il caso. Ora è mi sembra il ministro competente per fare e lanciare una serie di proposte, perché non vedo immediatamente un piano più ampio con principi e priorità”.

Secondo Marx, le attuali proposte di Laliaux mancano di visione. Le soluzioni dipendono interamente dagli obiettivi prefissati. Per prima cosa devono essere chiari. Naturalmente ci sono una serie di importanti precondizioni, come l’accessibilità. Ma questo è principalmente legato alla volontà di contribuire al sistema pensionistico, e questo accade a seconda di quanto sia equo o legittimo questo sistema. Tutto sta o cade con esso. Questa legittimità presuppone l’uso di una certa logica e coerenza. Al momento non me ne accorgo affatto”.

Ci saranno molte discussioni accese nel prossimo futuro. Molto probabilmente, come sempre accade ed è anche inevitabile in un’alleanza con parti diverse, si raggiungerà un compromesso in cui tutti potranno vincere una coppa simbolica. E poi tutto si muove”.