QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“L’effetto dell’eruzione del Vesuvio è paragonabile alla bomba atomica su Hiroshima” | All’estero

Un archeologo italiano ha detto al quotidiano britannico che l’impatto dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. su Ercolano – l’antica località costiera romana vicino a Pompei – è simile a quello del bombardamento atomico della città giapponese di Hiroshima nel 1945. guardiano.




Il calore della colata lavica del Vesuvio era così intenso che il cervello e il sangue delle vittime ribollirono all’istante. Un flusso di lava è costituito da onde di lava, gas, roccia e cenere. “I resti delle vittime trovate qui sono in condizioni simili a quelli di Hiroshima”, ha detto Domenico Camardo, archeologo del progetto Ercolano. “Hai davvero un senso di orrore e tragedia.”

Ad Ercolano riprendono gli scavi per la prima volta in 25 anni. Il mese scorso, i resti di una vittima sono stati trovati su quella che all’epoca avrebbe dovuto essere la spiaggia della città vecchia. I resti sono stati mostrati ai media mercoledì.

Si ritiene che all’epoca la vittima avesse tra i 40 e i 45 anni. È stato ucciso vicino al mare mentre cercava di fuggire dall’eruzione. L’uomo sembrava portare una piccola borsa di pelle con una scatola di legno all’interno. “Potrebbe essere fuggito con i suoi tesori”, ha detto Nunzia Laino, un altro membro del gruppo di ricerca a Ercolano.

Gli scavi negli anni ’80 e ’90 hanno trovato più di 300 scheletri, e gli scheletri erano tutti stipati insieme in barche, dove avrebbero dovuto nascondersi nella speranza di essere salvati dal mare.

I resti di quello che oggi viene chiamato “l’ultimo rifugiato” di Ercolano. È stato trovato in ottobre. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

Ercolano è un sito più piccolo e meno noto della vicina Pompei. Gli effetti della famosa – o famigerata – eruzione vulcanica furono fondamentalmente diversi. “Pompei era ricoperta di acque di cenere”, ha detto l’archeologo Camardo. guardiano.

“Ercolano è stata distrutta da una nuvola di lava con una temperatura di oltre 400 gradi. Ha bruciato tutta la vita”. Poi la città fu inghiottita da ondate di fango vulcanico. Indurisce e garantisce la conservazione di tutti i residui organici. “Ecco perché abbiamo trovato cose come il cibo che non si trovavano a Pompei”.


READ  La polizia dell'Ohio ha sparato a una ragazza nera di 16 anni che è stata uccisa