QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’effetto di Corona sulla memoria è inferiore al suo effetto su altre funzioni cognitive – New Scientist

Le persone che hanno avuto la corona possono avere disturbi cognitivi permanenti. La memoria sembra meno influenzata rispetto ad altre funzionalità.

Corona può causare problemi cerebrali permanenti, come diminuzione della concentrazione e ridotta capacità di pensare. Questo è ora generalmente accettato nella scienza. Tuttavia, la memoria sembra essere la meno influenzata di tutte le funzioni cognitive.

La maggior parte degli studi precedenti esaminati Effetti cognitivi della corona Vengono utilizzati test progettati per valutare la demenza. “Questi non forniscono misurazioni esatte e non misurano realmente la diversità delle funzioni cerebrali”, afferma il neuroscienziato Connor Wild della Western University in Ontario, Canada.


Leggi anche
“Ho bisogno del 30 percento delle informazioni per prendere una decisione”

Per una migliore analisi, Wilde e colleghi hanno utilizzato un file Strumento di valutazione cognitiva È stato sviluppato da scienziati del cervello dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito. Questo test online misura la cognizione utilizzando dodici compiti in cinque aree: pensiero, elaborazione verbale, memoria, velocità di elaborazione e cognizione generale.

Sono cresciuti giovani

I ricercatori hanno chiesto a 478 adulti con COVID-19 di completare il test. I partecipanti sono risultati positivi tra una settimana e nove mesi prima dell’inizio dello studio. Non è noto se i partecipanti abbiano contratto la corona una o più volte. Circa il 14 per cento ha dichiarato di essere finito in ospedale a causa di una malattia.

I ricercatori hanno confrontato i risultati di questi partecipanti con 7.832 persone che erano state testate prima della pandemia. Hanno scoperto che le persone che hanno contratto il coronavirus avevano in media punteggi cognitivi significativamente più bassi. Il loro declino era equivalente al declino cognitivo che si verifica con l’età di 4,5 anni, dice Wilde. Le persone gravemente malate hanno ottenuto i punteggi peggiori. Ma le persone con un decorso lieve della malattia erano anche meno forti dal punto di vista cognitivo.

READ  Un vaccino contro tutte le varianti e il futuro scoppio del Corona virus: non sembra impossibile

risparmiare memoria?

Il Covid-19 sembra influenzare alcune funzioni cerebrali più di altre. La velocità di elaborazione è stata la più influenzata. Se si confrontano i punteggi dei pazienti affetti da coronavirus in quell’area con quelli di un gruppo di controllo, è come se le persone risultate positive fossero, in media, “più anziane” a causa della loro malattia, afferma Wilde. Anche i punteggi dell’elaborazione verbale e del ragionamento logico erano significativamente più bassi in coloro che avevano contratto il Covid-19.

Sorprendentemente, i ricercatori non hanno riscontrato differenze significative nelle prestazioni della memoria. In studi precedenti, sembrava che la memoria si stesse deteriorando a causa dell’infezione da coronavirus.

“La memoria è una specie di termine generico e include diversi tipi di memoria”, afferma Wilde. Dice che lo strumento di valutazione utilizzato in questo studio pone maggiore enfasi sulla misurazione della memoria a breve termine. Questo potrebbe spiegare la differenza con gli studi precedenti.

problemi di sonno

Identificando gli aspetti della cognizione che sono colpiti da Covid-19, possiamo covid polmonare Capiscono meglio, dice il neuroscienziato Frederic Meunier dell’Università del Queensland in Australia. Inoltre, potremmo anche essere in grado di sviluppare trattamenti migliori per la malattia.

Ad esempio, ricerche precedenti hanno dimostrato che le persone che non dormono abbastanza hanno problemi simili: ridotta capacità di elaborazione e cognizione generale, ma memoria intatta. Ciò potrebbe suggerire che gli effetti del Covid-19 siano in qualche modo legati alle notti infrante.

Confronta uno a uno

Nota su ricerca Ha confrontato dozzine di pazienti Corona con dozzine prima della pandemia. Di conseguenza, i ricercatori non possono dire con certezza che le differenze siano causate dalla malattia. Wild afferma che anche lo stress da una pandemia globale potrebbe svolgere un ruolo.

READ  Nuova ricerca sul cancro alla prostata in Omilander

Quello su cui stiamo lavorando ora è la ricerca [op individueel niveau]Come si confronta la percezione delle persone dopo il Corona con la loro percezione prima dell’epidemia?