QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’efficacia del vaccino rimane alta: “Il vaccino boost ha ancora senso”

Secondo il Consiglio sanitario, i vaccini funzionano ancora molto bene contro le infezioni gravi e i ricoveri ospedalieri, ma ci sono indicazioni che l’efficacia dei vaccini sia leggermente in calo negli anziani.

celle di memoria

breve spiegazione. La vaccinazione assicura che il tuo corpo abbia anticorpi contro il coronavirus. Questi anticorpi impediscono al virus di entrare nelle cellule del corpo. Il numero di anticorpi nel tuo corpo diminuisce nel tempo, ma questo non significa che non sei più ben protetto contro il virus.

L’immunologo Hope Savalkol spiega: “La vaccinazione assicura anche che il corpo produca cellule di memoria. Queste assicurano che il tuo corpo ricominci a produrre anticorpi se il virus raggiunge le tue cellule”.

Questo richiede un po’ di tempo. “Di conseguenza, puoi ancora ammalarti un po’ per un po’, ma la possibilità che tu ti ammali gravemente è molto piccola.”

terzo colpo

Pertanto, l’immunologo Savelkoul sostiene una terza iniezione. “Questo migliora la protezione con tutti i vaccini. Migliora anche la risposta della memoria. Quindi tutti nella mia professione gridano anche ‘sbrigati con questi booster'”.

“I bambini, ad esempio, ricevono anche iniezioni di DTP più volte”, afferma Savelkoul. “E anche da adulto, devi comunque ripetere se viaggi in un paese non occidentale”.

Più veloce del previsto

L’immunologo Marjolein van Egmond afferma anche che a breve termine gli anticorpi che fai scomparire dal corpo più velocemente del previsto. “Con Janssen e AstraZeneca, questo è un po’ più veloce rispetto agli altri vaccini. E infatti con tutti i vaccini è un po’ più veloce del previsto”.

READ  Sempre più casi di scabbia nei Paesi Bassi: ecco come si conosce una malattia della pelle contagiosa: il radar

Tuttavia, Van Egmond non è necessariamente un rinforzo per tutte le età. “Un colpo in più probabilmente proteggerebbe meglio. Ma la domanda è sempre: quando è sufficiente qualcosa di buono? Non andiamo tutti in palestra per fare i bodybuilder. I vaccini forniscono ancora un’eccellente protezione contro malattie gravi”.

Se vieni infettato dopo una vaccinazione, funziona come un richiamo naturale, afferma Van Egmond. “Puoi quindi chiederti se dovremmo tutti ottenere un colpo di richiamo.” Van Egmond pensa che abbia senso somministrare questi vaccini a paesi in cui nessuno è stato ancora vaccinato. La strategia a lungo termine deve essere quella di proteggere il mondo intero.

Secondo i dati attuali del RIVM, l’efficacia del vaccino contro il ricovero è in media del 94% dopo la vaccinazione completa. (Ricerca basata su registrazioni dall’11 luglio al 31 ottobre.)

Le persone che ora sono in ospedale sono principalmente deboli e anziane. “Hanno tre disabilità”, spiega Van Egmond. “Hanno già un sistema immunitario meno efficiente e spesso hanno anche problemi di salute sottostanti che li portano a essere ricoverati in ospedale prima e vaccinati più a lungo. Quindi il vaccino di richiamo è sicuramente utile per queste persone”.

Sanquin

Alla banca del sangue di Sanquin, hanno anche notato che il numero di anticorpi diminuisce in alcuni gruppi di età. Sanquin ha esaminato la quantità di anticorpi in 1.400 donatori di sangue immunizzati. Ci sono meno anticorpi nel corpo delle persone di età compresa tra 61 e 65 anni rispetto ad altri gruppi di età, afferma Hans Zeiger della Banca del sangue.

“Questo è esattamente il gruppo che ha ricevuto il vaccino AstraZeneca attraverso il proprio medico di famiglia. Questo vaccino sembra produrre anticorpi di qualità inferiore e superiore rispetto ai vaccini mRNA”. Secondo la banca del sangue, i donatori più giovani, di età compresa tra 18 e 25 anni, hanno in media quasi otto volte più anticorpi nel sangue rispetto ai membri del gruppo di età compresa tra 61 e 65 anni.

READ  Questo popolare farmaco può anche curare il cancro della pelle: "Ma non provarlo tu stesso"

ancora protezione

AstraZeneca ha ora ottenuto 2.778.829 scatti di età compresa tra 60 e 64 anni. e per gli operatori sanitari nelle case di cura e nelle piccole imprese.

Una quantità minore di anticorpi può proteggere dall’infezione da corona. Una persona può ancora essere infettata, ma il decorso della malattia sarà molto più mite che senza vaccinazione. Ciò riduce significativamente il rischio di ricovero ospedaliero o gravi conseguenze.

Efficacia del vaccino

  • L’efficacia del vaccino contro il ricovero in ospedale dopo la vaccinazione completa è del 94 percento, scrive il Royal Institute of Public Health.
  • L’efficacia varia dall’89 percento per il gruppo di 70 anni al 97 percento per le persone di età compresa tra 12 e 49 anni.
  • L’efficacia del vaccino contro l’assorbimento di CI è del 97 percento e varia dal 95 percento per gli anziani al 99 percento per la fascia di età più giovane.
  • L’efficacia del vaccino contro l’ospedalizzazione e il ricovero in terapia intensiva dopo la vaccinazione completa varia per ciascun vaccino. Per BioNTech/Pfizer, è 95 e 98 percento. Per AstraZeneca, questo è il 92 percento contro il ricovero in ospedale e il 96 percento contro il ricovero per IC. Per Jansen, le percentuali sono del 93 percento e del 95 percento.

Fonte: RIVM, 3 novembre. Sulla base delle registrazioni dall’11 luglio al 31 ottobre 2021.