QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’epidemia di HIV nel 2020 è ritardata a causa della pandemia di Corona

© Shutterstock

La pandemia di Corona e le misure di Corona hanno frenato l’epidemia di HIV in Belgio nel 2020. Sono state identificate 727 nuove diagnosi di HIV. Questo è il 21% in meno rispetto al 2019, secondo il rapporto annuale sull’HIV dello Sciensano Health Institute.

MTMFonte: belga

Scinsano ha affermato che la pandemia di coronavirus e le azioni successive hanno influenzato le attività di test dell’HIV, il comportamento sessuale e le dinamiche migratorie. Durante i blocchi, l’attività di test dell’HIV è stata inferiore. Sciensano sospetta anche che l’HIV fosse meno trasmissibile: a causa delle limitazioni nei contatti fisici e sociali, potrebbero esserci state meno interazioni sessuali.

Sciensano vede due indicatori per questa ipotesi. Rispetto al 2019, metà di tutte le infezioni gravi da HIV sono state diagnosticate nel 2020. Inoltre, l’uso di farmaci preventivi, noti come PrEP, è diminuito a partire da aprile 2020. Le restrizioni di viaggio hanno lasciato il segno sulla migrazione internazionale in Belgio, afferma Sciensano, Sulla diagnosi di infezione da HIV negli stranieri.

“Può anche darsi che l’accesso limitato alle strutture di test durante i periodi di blocco abbia ritardato la diagnosi per alcuni individui e portato a una perdita della diagnosi”, osserva Sciensano. “La cura ottimale per i pazienti con HIV richiede la continuità dei servizi attraverso varie fasi: screening, diagnosi, ricovero, mantenimento delle cure, inizio della terapia antiretrovirale e raggiungimento di una carica virale non rilevabile”, afferma Sciensano. Tuttavia, durante i blocchi, la cura dell’HIV doveva essere organizzata in modo diverso. Tuttavia, la copertura ART è rimasta ottimale ed efficace, secondo l’Institute of Health.

Il 77% delle persone che vivono con l’HIV in Belgio ha una carica virale non rilevabile. Ad esempio, il Belgio ha raggiunto l’obiettivo dell’UNAIDS del 73 percento. “Ulteriori sforzi per ridurre il numero di nuove infezioni da HIV, garantire una diagnosi precoce e mantenere le cure saranno fondamentali per raggiungere gli obiettivi di UNAIDS 2030”, ha affermato Scinsano nel suo rapporto. Per ridurre ulteriormente l’HIV, non solo è necessario ridurre il numero di nuove infezioni, ma anche le persone infette devono essere diagnosticate e trattate rapidamente.

Dall’inizio dell’epidemia di HIV, due gruppi sono stati particolarmente colpiti in Belgio: gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini di nazionalità belga e uomini e donne eterosessuali dell’Africa subsahariana. Nel 2020, hanno rappresentato il 40% delle nuove diagnosi di HIV. “Data la tendenza al declino della diagnosi in queste grandi popolazioni, le popolazioni di altre nazionalità, sia tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini che tra gli omosessuali, stanno acquisendo un’importanza relativa”, ha affermato Scinsano. Pertanto, “sono essenziali strategie di prevenzione e sperimentazione complete e accessibili, nonché la cura di tutti i gruppi target interessati”.

La stessa voce si sente a Sensoa, il centro di competenza fiammingo per la salute sessuale. “Questi numeri supportano Sensoa nella sua strategia di mirare a gruppi target per i test o di prendere in considerazione la PrEP. Sensoa vuole anche impegnarsi in un approccio più diversificato e olistico per raggiungere meglio quei gruppi in cui non vediamo riflesso il declino”.

READ  Notizie dalla Frisia dal 16 aprile | Direttore della fabbrica di caramelle dopo l'incendio: 'This is a black day' e l'epidemia di Corona tra un gruppo di persone vaccinate contro la demenza nello Smollingerland