QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’epidemia di influenza è ancora “molto grave”

Il numero di persone che vanno dal medico con sintomi simil-influenzali è leggermente aumentato nell’ultima settimana. Ma è ancora una “epidemia di influenza di moderata gravità”, secondo il bollettino settimanale dell’Istituto sanitario di Sciensano di mercoledì. “Il picco potrebbe essere all’orizzonte”, aggiunge il virologo Stephen van Gucht.

Nella settimana dal 28 marzo al 3 aprile, in media, i medici di base hanno visitato 845 persone con sintomi simil-influenzali ogni 100.000 residenti. Quindi il tasso di infezione è molto alto, ma è perché ci sono anche persone che hanno il coronavirus. Prima dell’emergere della corona, l’incidenza includeva quasi sempre persone con influenza.

“Sappiamo che il numero di infezioni da Covid-19 sta diminuendo un po’, quindi è possibile che l’influenza stia ancora un po’ salendo”, dice Van Gucht. “Ma stiamo vedendo un errore nell’aumento di tutti i programmi, quindi potrebbe essere in vista un picco”. Se confermato, significherebbe che i timori di una grave stagione influenzale, dopo un anno senza una pandemia influenzale, non si sono realizzati.

L’anno scorso, le misure di Corona hanno fermato la diffusione dell’influenza. Questo è stato il caso anche quest’anno per un po’, ma ora che queste misure sono state gradualmente eliminate, l’influenza può ancora sfondare. Di conseguenza, l’epidemia di influenza cadrà più tardi del solito quest’anno, perché di solito inizia a gennaio o febbraio. Questa volta era intorno a metà marzo.

READ  Nessun dolore muscolare dopo la vaccinazione? Questa tendenza di TikTok non aiuta