QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lepra Bacillus aiuta a rigenerare il fegato

I batteri che causano la lebbra possono aiutare a rigenerare un fegato sano, Scrivere studiosi scozzesi nel diario Rapporti sulle cellule della medicina. Hanno scoperto che gli armadilli con la lebbra avevano fegati più grandi degli armadilli senza lebbra, ad esempio senza cicatrici o crescita tumorale in quei fegati. Ma prima che i batteri della lebbra possano rigenerare il fegato umano, sono necessarie molte ulteriori ricerche.

La lebbra è una malattia infettiva che può avere gravi conseguenze per l’uomo. Se non trattata, la malattia può causare gravi deformità del viso e degli arti in una parte dei pazienti e può colpire anche i nervi. Il colpevole sono i batteri leprae. Anche altri animali sono suscettibili, compreso l’armadillo a nove bande Dasypus novemcinctus Dal Sud e Centro America. Gli armadilli sviluppano anche disturbi della pelle e dei nervi dopo l’infortunio.

Il fegato è il più adatto per la rigenerazione di tutti gli organi umani. Questo rende la donazione di organi relativamente facile; Un donatore dona parte del suo fegato, dopodiché la parte rimanente si trasforma in un organo a tutti gli effetti entro poche settimane.

La cattiva notizia, tuttavia, è che questa rigenerazione non si verifica naturalmente nelle persone con malattie del fegato: spesso si sviluppa tessuto cicatriziale interno (come la cirrosi) o crescita tumorale. E se il fegato deve ripararsi troppo spesso, alla fine il processo si interrompe e non c’è altra scelta che un trapianto.

Per questo motivo, i ricercatori scozzesi sono ora particolarmente interessati a un fegato ingrossato negli armadilli infetti, il cui fegato è fino a quattro volte più pesante del normale (290 grammi anziché 70) e funziona in modo sano. Il biologo della rigenerazione Anura Rambukkana, che è uno degli autori, ha scoperto questo fenomeno quando ha visto nel 2013 come i batteri della lebbra fossero in grado di “dirottare” la plasticità e le proprietà rigenerative delle cosiddette cellule di Schwann. Queste cellule si trovano intorno ai neuroni, ma vengono attraversate da essi leprae Sono parzialmente riprogrammati per comportarsi come cellule staminali. Le cellule staminali sono quelle che possono trasformarsi in organi. Questa ricerca è stata eseguita in capsule di Petri, utilizzando cellule prelevate da topi.

READ  Pfizer protegge da una grave malattia di tipo delta, affermano esperti israeliani - Belgio

“La scoperta a volte mi ha tenuto sveglio negli anni che seguirono”, dice Rambukkana – che una volta iniziò la sua ricerca sui batteri della lebbra mentre era studente ad Amsterdam – via e-mail. E una notte ho pensato: in Louisiana, i batteri della lebbra sono stati coltivati ​​per decenni nei fegati di armadillo per scopi di ricerca. Non ci sarebbe qualcosa che non va in quei fegati? Così ho chiamato un amico che è un ricercatore lì e gli ho chiesto casualmente se ” “Avevo notato qualcosa di insolito negli armadilli. Poi ha iniziato. Parlando di quei suoi fegati ingrossati! Questo ha rafforzato i miei sospetti che potremmo anche vedere la ‘chimica biologica’ che abbiamo visto nelle capsule di Petri negli animali vivi.”

Pertanto, Rambukkana e colleghi hanno avviato lo studio attuale. Per fare ciò, hanno colpito 45 portaerei corazzati e ne hanno usati 12 come gruppo di controllo. Sotto l’influenza dei batteri della lebbra, anche gli epatociti e le proprie cellule epatiche iniziarono ad agire come una sorta di cellule staminali. Ciò ha causato il gonfiore del fegato dell’armadillo colpito, ma ha mantenuto tutte le funzioni vitali. Inoltre, i geni legati all’invecchiamento sono stati repressi, mentre i geni legati alla crescita sono stati attivati.

Esattamente quali applicazioni benefiche questa scoperta potrebbe avere per la medicina necessitano ancora di ulteriori ricerche. “Se riusciamo a capire come riprogrammare i batteri e rigenerare il fegato, potremmo essere in grado di applicare questo metodo anche agli esseri umani”, afferma Rambukkana. “Ma non ci siamo ancora.”