QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’esame del sangue può mostrare una predisposizione alla depressione postpartum: ha senso il test?

Angry Leggenhurst, madre di due figli, ha sofferto di depressione postpartum dopo il suo secondo parto. “Mi è venuto in mente inaspettatamente”, dice. “Ero elettrizzata dopo la gravidanza, ma poi improvvisamente ho avuto attacchi di ansia”. “Se avessi potuto sapere prima che avrei avuto la depressione postpartum, sarebbe stato bello”.

perso il filo

Angry è un’assistente sociale e ora improvvisamente ha dovuto prendere lei stessa tutti i tipi di pillole, che doveva dare alle persone in un gruppo residenziale. “Ero completamente persa. Non ero più me stessa. Ho iniziato a urlare davanti ai miei figli e a sbattere la testa al telefono. Poi in realtà non volevo più vivere”, ha detto a Editie NL.

Quando le cose peggiorarono, Angri si iscrisse immediatamente a un assistente sociale, ma le cose andarono così male che GGZ fu chiamato fuori. “L’aiuto arrivava quasi ogni giorno. Dai medici agli psichiatri. Ho preso antipsicotici. Alla fine non era più fattibile a casa e poi ho vissuto fuori casa per sei settimane”.

Come Annegré, più donne soffrono di depressione. Secondo il Trimbos Institute, circa 23.000 donne incinte o che hanno appena partorito nei Paesi Bassi soffrono di depressione ogni anno. Questo rappresenta il dieci per cento di tutte le donne che rimangono incinte.

Aiutare le neomamme

Secondo lo psichiatra Mijke Lambregtse, sempre più ostetriche e ginecologi stanno esaminando i disturbi psicologici dopo il parto e come monitorare una donna. “Questa potrebbe essere una frequenza molto bassa, ma potrebbe anche essere un trattamento preventivo, un intervento psicologico o un farmaco se necessario”.

In effetti, è particolarmente importante avere una buona valutazione e un buon piano di trattamento. “Ci sono molti ambulatori a cui le donne possono rivolgersi. Quindi facciamo un piano di trattamento preventivo. Possiamo contare i fattori di rischio e vedere se possiamo ridurli o monitorarli. Quindi possiamo osservare da vicino quando le cose stanno per andare storte .”

Ma all’inizio della gravidanza, viene eseguito un test per rilevare la depressione come in ricerca Non aveva molto senso secondo lei. “Se hai un profilo femminile migliore, questo può essere d’aiuto. Puoi rimuovere un piccolo aspetto della vulnerabilità, ma la possibilità di cambiare l’intera assistenza con un test del genere è molto ridotta”.