QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’esercito del Myanmar brucia un intero villaggio | notizia

I soldati della giunta birmana hanno distrutto un intero villaggio la scorsa notte. Secondo testimoni oculari e resoconti dei media locali, la maggior parte dei residenti è fuggita e si dice che almeno due persone siano morte.




L’incendio, divampato nel villaggio di Kenma nella regione centrale di Magway, è stato preceduto da scontri tra gruppi civili ed esercito. Secondo il sito di notizie Irrawaddy, i soldati hanno subito una sconfitta, con 15 soldati uccisi. In risposta, circa 150 soldati hanno dato fuoco al villaggio.

“Quando sono iniziati i combattimenti, siamo scappati dal villaggio perché era diventato molto pericoloso”, ha detto oggi uno degli abitanti del villaggio all’agenzia di stampa tedesca DPA. “Delle 240 case di Kenma, ne rimangono solo 40”, ha continuato. Circa 1.000 persone hanno perso tutto. Molti di loro ora risiedono nei villaggi vicini.


lotta costante

Queste battaglie tra gruppi civili armati e l’esercito del Myanmar sono comuni in Myanmar. Il conflitto è iniziato a febbraio, quando i militari del Myanmar hanno estromesso il leader del governo democraticamente eletto, Aung San Suu Kyi, e la giunta militare ha preso il potere. Da allora, residenti di diverse parti del Paese hanno formato gruppi armati per difendersi dalla violenza dei soldati.

Oltre alla resistenza armata, sono in corso anche proteste e scioperi. Ogni tentativo di dissenso viene brutalmente represso dal Consiglio Militare, ma ciò non impedisce ai residenti di scendere in piazza il giorno successivo.

READ  La Germania vuole abolire il suo veto nella politica estera europea | all'estero

numeri scioccanti

Secondo i dati dell’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici (Aapp), la giunta militare ha ucciso 864 persone in Myanmar dall’inizio del golpe (fino a ieri). Ben 4.893 persone sono state arrestate, di cui 182 condannate. Un mandato di cattura è stato emesso per 1.937 persone.

Anche Aung San Suu Kyi è stata arrestata e lunedì è iniziato il suo processo. Tuttavia, continuerà a svolgere “processi farsa” su accuse inventate volte a screditare il leader.