QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’esercizio migliora la funzione cerebrale nei pazienti con Parkinson

Nella malattia di Parkinson, le cellule che producono dopamina nel cervello muoiono. Di conseguenza, i pazienti hanno vari disturbi, che vanno dal movimento lento al tremore al braccio o alla gamba. Uno studio del 2018 ha mostrato che i pazienti che si esercitavano vigorosamente su una cyclette tre volte alla settimana presentavano sintomi stabilizzati rispetto a un gruppo di controllo che si limitava ad allungarsi. Sono state eseguite anche scansioni MRI per entrambi i gruppi di partecipanti, i cui risultati sono ora pubblicati in Annals of Neurology.

Connessioni più forti tra le regioni del cervello

Molte persone con malattia di Parkinson hanno difficoltà con i movimenti automatici come camminare. Questo perché la parte del cervello che controlla questi movimenti di routine è interessata. Nelle scansioni, i ricercatori hanno notato che nei pazienti fisicamente attivi, le connessioni erano rafforzate tra le aree del cervello che erano state relativamente risparmiate dal morbo di Parkinson. “A queste aree del cervello, per così dire, è stato assegnato un ruolo più forte nella rete cerebrale. Consideriamo questa una strategia di compensazione per il cervello: compensa il fatto che i movimenti automatici, come camminare, diventano più difficili “. ha detto Rick Helmich, neurologo e ricercatore principale.

La quantità di materia grigia nel cervello si stabilizza

I ricercatori hanno anche esaminato la materia grigia del cervello, che è dove si trovano i corpi cellulari dei neuroni. Ciò ha mostrato chiaramente che la quantità di materia grigia era stabilizzata nei pazienti che erano stati attivi sulla cyclette per sei mesi. Questa sostanza è diminuita nel gruppo di stretching. Helmich: “Questi risultati sono in linea con studi precedenti, che mostrano che le persone che si allenano attivamente per qualcosa sviluppano più connessioni tra le cellule cerebrali. Quindi, con lo sport, non solo i muscoli aumentano, ma anche il cervello”.

READ  L'EMA approva due trattamenti per il corona

Essere in grado di pensare meglio

Infine, anche i pazienti che erano stati fisicamente attivi sono diventati più bravi a pensare. Martin Johansson, uno studente di dottorato e autore principale della pubblicazione, spiega come sono stati in grado di determinarlo: “Abbiamo chiesto ai partecipanti di eseguire diversi compiti cognitivi, in cui i movimenti oculari ci hanno permesso di misurare quanto bene i pazienti fossero in grado di controllare i movimenti spontanei. Si scopre che il gruppo fisicamente attivo lo fa meglio. Dal gruppo di controllo: hanno migliorato le loro prestazioni sei mesi prima, prima di allenarsi sulla cyclette. Successivamente, sulle scansioni MRI, abbiamo visto che quanto erano bravi in ​​questo era direttamente correlato alla loro forma fisica, misurata dalla capacità polmonare. Ciò ha mostrato: migliore La capacità di pensare è aumentata.

L’esercizio fa bene al cervello

I ricercatori ritengono che l’esercizio intenso migliori la funzione cerebrale stimolando la capacità riparativa, non perché il morbo di Parkinson progredisca più lentamente. Rick Helmich: “Sappiamo che l’esercizio fa bene al cervello. Per tutti, ma sicuramente anche per le persone con malattia di Parkinson. Questi risultati hanno importanti implicazioni: l’esercizio provoca cambiamenti nel cervello che possono ridurre i sintomi di Parkinson. Spero che le persone con malattia di Parkinson prendano questo come motivazione.” Massiccio per esercitare di più. In questo periodo di blocco, sottolinea anche l’importanza dello sport e dell’esercizio”.

A cura di: National Care Guide