QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’espansione della portata della confraternita De Wever è diventata il più grande fornitore europeo di comunicazioni nel cloud

Ciò che l’imprenditore Dan de Wever ha sognato per anni si è avverato: grazie a due importanti acquisizioni in Svezia, sta portando la sua società di comunicazioni cloud al primo posto in Europa e d’ora in poi competerà tra grandi attori come Microsoft, Cisco e anello centrale.

De Wever è chiaramente contento quando gli parliamo tramite Teams. “Abbiamo lavorato duramente durante la crisi di Corona”, dice con una risata. “Il risultato ora è qui, siamo dove avrei voluto essere quando cinque anni fa dissi che volevamo un fatturato di 150-200 milioni di euro.

Per essere precisi: Destiny ha fatto un salto di qualità da 90 a 170 milioni di euro di volume di vendite a causa del doppio smacco in Svezia. Acquisisce Telepo, che fornisce la tecnologia di base per l’integrazione perfetta di telefonia fissa, mobile e Internet, e l’azienda è cliente di Zaventem dal 2013. La tecnologia Telepo è utilizzata da due milioni di utenti, principalmente in Norvegia, Svezia e Finlandia. “Se volevamo davvero avere successo nelle nostre ambizioni di diventare un attore paneuropeo, dovevamo avere questa tecnologia interna. Avevamo in mente questa acquisizione sette anni fa, ma i tempi devono essere giusti.

durante l’ora di punta

Inoltre, De Wever sta acquistando un biglietto per il mercato scandinavo – con tentacoli lontani come il Regno Unito e la Germania – catturando il leader del mercato svedese Soluno. Questo è, proprio come Destiny, un provider di servizi di telecomunicazione nel cloud. “Ha anche creato un’intera serie di app innovative attorno a questo, e questo ci consente di crescere forte geograficamente”, afferma de Wever. La Scandinavia è all’avanguardia quando si tratta di comunicazioni cloud. Questo è anche il motivo per cui è bene avere un punto d’appoggio lì.

READ  Il "massiccio attacco" ai siti web del governo belga non si è concluso rapidamente: temporaneamente nessuna riserva di vaccinazione, tasse su Internet e commissioni parlamentari colpite | Internet

“C’è ancora abbastanza capitale per accelerare la nostra strategia di acquisizione anche dopo queste acquisizioni”.

Dan de Weaver

Fondatore e CEO di Destiny

I servizi cloud di Destiny sono un’alternativa alla telefonia tradizionale, dove ogni azienda ha il proprio centralino telefonico. Poiché i servizi di telefonia sono gestiti su una piattaforma in un data center centrale – il cloud – ad esso possono essere collegati numerosi altri servizi, come help desk, posta vocale, pianificazione dell’agenda, Slack, web, videoconferenza, sicurezza… .. un ponte tra comunicazione e tecnologia dell’informazione. I clienti più conosciuti sono ZEB, Würth, Katoen Natie, Interparking e Democo e, grazie all’acquisizione di Telepo, ora sono anche molti dei principali fornitori di telecomunicazioni europei come Tele2, Telia e TMobile. Proximus Business, Telenet Business e alcuni giocatori più piccoli costituiscono la concorrenza, ma nel segmento delle imprese di medie dimensioni, Destiny è il grande drink del Benelux.

destino

> Fondata nel 2008 da Daan e Samuel De Wever.

> Fatturato: 90 milioni di euro (2020), 170 milioni dopo l’acquisizione di Telepo e Soluno (2021).

> Ebitda: 40 milioni di euro (2021).

> Personale: 635 in sei paesi (Belgio, Paesi Bassi, Francia, Svezia, Regno Unito e Germania).

> Clienti: Katoen Natie, Standaard Boekhandel, Interparking, ZEB, McDonald’s, Decathlon, Democo, Facq, Schoenen Torfs, Tele2, Telia, TMobile ….

A causa della doppia acquisizione, Destiny, che De Wever ha fondato nel 2008 con suo fratello Samuel ed è stata nominata azienda promettente nel 2015, è la più grande nel suo segmento, seguita dalla società tedesca di servizi di telecomunicazione Nfon. “Siamo tra i più grandi a livello globale, dopo RingCentral, Microsoft, Broadsoft (Cisco) e Vodaphone”. In cinque anni, il destino è diventato così Crescita accelerata da 28 milioni di euro a 170 milioni di euro. L’utile operativo totale (EBITDA) raggiungerà i 40 milioni di euro.

Il destino prenderà il pieno controllo delle società svedesi – “Come sempre, vogliamo il controllo al 100%”, ha detto de Wever. Telepo era una filiale della multinazionale canadese Mitel, che fornisce anche soluzioni di telefonia. Soluno era di proprietà del ramo di private equity della banca svedese SEB. De Wever non vuole dire quanto Destiny e il suo principale azionista francese Apax pagheranno per il doppio accordo. C’è ancora abbastanza capitale per accelerare la nostra strategia di acquisizione anche dopo queste acquisizioni. Con gli impegni Apax, possiamo facilmente continuare a crescere per altri tre o quattro anni.

Fino a questo accordo, i due fratelli detenevano circa il 30 percento del capitale sociale, rispetto a circa il 70 percento con Apax. Questa percentuale rimane la stessa. “Permettiamo al management e ai dirigenti di diventare azionisti del Destiny Group, anche se questo non significa sempre che rimangano operativamente attivi”.


Rischi di acquistare troppe aziende e semplicemente di impilarle una sopra l’altra, senza unirle correttamente. Ho delle domande a riguardo con alcuni gruppi.

Dan de Weaver

Fondatore e CEO di Destiny

Destiny è un’azienda tecnologica fiamminga in rapida crescita con un’intensa strategia di acquisto e costruzione, una combinazione di acquisizioni e crescita organica (vedi riquadro). Proprio l’anno scorso, De Wever non aveva paura che con la sua rapida crescita dovuta alla sua rapida politica di acquisizioni, prima o poi avrebbe perso la presa sul gruppo? Stai già rischiando di acquistare molte aziende e impilarle una sopra l’altra, senza fonderle correttamente. Ho delle domande al riguardo con alcuni gruppi.

Quindi devi tenere d’occhio la tua storia a lungo termine e come si inserisce il puzzle. Ecco perché è anche importante crescere più del dieci percento all’anno, anche indipendentemente dalle acquisizioni, in altre parole naturalmente.