QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’esperto di difesa Alexander Mattler: “Tutto sta o cade all’Ucraina per difendersi con le armi”

Le forze russe sono pronte ad attaccare l’Ucraina. È ancora possibile evitare conflitti su larga scala in Europa? “Tutto dipende dalla determinazione dell’Ucraina a difendersi con le armi”, afferma l’esperto di difesa e professore Alexander Mattler (VUB).

Martin Quartetto

“L’Ucraina è circondata. Le carte diplomatiche sono sul tavolo. Ora il regime di Putin è tornato sulla buona strada. Ci aspettano settimane di grande sforzo militare”. L’esperto di difesa e professore Alexander Mattler (VUB e Egmont Institute) è deprimente. Se Mosca rifiuta di fare marcia indietro, vede poche opzioni favorevoli per l’Ucraina. La debole ala orientale della NATO minaccia di sopportare il peso maggiore.

Putin sceglierà la via della guerra, come sospettano ora gli Stati Uniti?

Se guardi la situazione da una prospettiva russa, ci sono tre scenari che potrebbero svolgersi. Il primo, e più interessante per Mosca, è che il presidente ucraino Zelensky è ancora soggetto alla costante pressione psicologica delle minacce militari accumulate. Sulla base di questo presupposto, Mosca potrebbe ancora credere che Kiev farà importanti concessioni che in realtà equivarrebbero a un cambio di regime senza prima parlare di armi. Zelensky, ovviamente, farà tutto ciò che è in suo potere per impedirlo. Vede questo principalmente come una guerra di nervi, non come uno scontro militare. Gli ucraini stanno cercando con tutte le loro forze di non arrendersi e sperano nel sostegno economico dell’Unione Europea e degli aiuti militari statunitensi.

“Nel secondo scenario, c’è il pericolo che la Russia combatta una guerra breve e dura – una sorta di … “Colpisci e terrorizza”L’effetto che vuole ottenere è quello di infrangere la morale ucraina (Quando gli Stati Uniti hanno iniziato la guerra in Iraq nel 2003, MR) Con l’obiettivo di provocare un cambio di governo a Kiev a loro favore. Se vuole raggiungere questo obiettivo, vedo anche che Putin va oltre l’annessione formale del bacino del Donbass o l’occupazione di un ponte terrestre verso la Crimea. Puoi anche vederlo nel potenziamento tattico. La Russia è preparata per una varietà di scenari di invasione”.

Il terzo scenario è che la resistenza ucraina a un tale intervento militare diventi troppo forte e si trasformi in un conflitto prolungato. C’è poi il pericolo di una divisione geografica del Paese che supera di gran lunga quanto già realizzato dai russi in Crimea e nel bacino del Donbas. Questo è anche meno favorevole per Putin, poiché il costo umano e materiale sarà elevato.

Di conseguenza, tutto dipende dalla determinazione dell’Ucraina a difendersi con le armi. E più forte è la resistenza ora, più i russi calcolano che il terzo scenario li minaccia, rendendoli più riluttanti a strappare questa opzione oscura e violenta di vecchia data”.

Fino a che punto possono spingersi gli Stati membri della NATO per impedirlo?

“Ora vedete che il presidente degli Stati Uniti Biden sta facendo di tutto per creare l’idea che la Russia sarà impantanata in una prolungata campagna militare, con l’obiettivo di dissuadere Putin e il suo entourage dal provarci. Come lo stesso Putin valuta questo è ancora un mistero Penso che Washington, così come alcuni paesi della NATO come la Polonia, gli stati baltici e il Regno Unito, il motivo alla fine è che un possibile conflitto è meglio sul territorio ucraino piuttosto che il paese cade rapidamente e tu hai un altro confronto ai confini dell’Ucraina. Gli alleati della NATO sono sul lato orientale”.

La NATO sta ora inviando rinforzi anche ai suoi membri orientali. Questo ha un effetto deterrente?

“Una presenza gonfia non ottiene affatto questo effetto. Se guardiamo solo al budget militare, c’è un enorme vantaggio a favore di Mosca. Si stima che i russi abbiano inviato tra 70 e 100 gruppi tattici di forza di battaglione con un raggio completo di supporto al fuoco, da terra, mare e aria Sono pronti ad attaccare. Inoltre, la Russia non ha solo costruito una capacità offensiva, ma anche una capacità di deterrenza difensiva contro la NATO. Può intensificarsi in modo significativo con missili che possono trasportare carichi utili convenzionali e nucleari .Recentemente, nuovi missili ipersonici sono stati installati nella regione del Mar Baltico di Kaliningrad.

Al contrario, la NATO ha in realtà solo quattro battaglioni d’avanguardia presenti nell’area, pattugliamenti aerei sul Mar Baltico e alcuni schieramenti bilaterali, che ora sono tutti frettolosamente intensificati. Ad esempio, gli Stati Uniti hanno posto la sua portaerei Harry Truman e le navi associate nel Mar Mediterraneo sotto il comando della NATO. Hanno anche inviato 5.000 truppe aviotrasportate dall’82a divisione aviotrasportata in Polonia, un’unità che potrebbe dare rapidamente il cambio ai diplomatici in Ucraina ma non il tipo di presenza paragonabile ai rinforzi di potenza di fuoco pesanti della Russia. La costituzione della NATO ora non ha quasi alcun valore offensivo”.

Non è pericoloso? Non dovresti concentrarti maggiormente sulla difesa dei punti deboli, come il passaggio via terra di Suwalki tra la Bielorussia e l’avamposto di Kaliningrad, che Putin sta sfruttando da tempo?

“Questa discussione su una presenza avanzata è di grande importanza in questo periodo di forte tensione militare. Siamo solo nelle prime fasi dei colloqui con la NATO per rafforzare e rafforzare le difese operative del fianco orientale. A poco a poco, i collegamenti più deboli si stanno formando aggiunto. Ad esempio, non c’era niente di grossolano in Romania e Bulgaria, ma ora stanno arrivando soldati americani, francesi e olandesi. Gli inglesi stanno raddoppiando la loro presenza in Estonia. In tal modo, c’è anche più pressione sulla Germania affinché sia ​​vigile in Lituania, in particolare intorno al Suwalki Pass.

“Se la Russia sceglie davvero la guerra, finirai rapidamente in uno scenario in cui i limitati rinforzi NATO già in atto non sono sufficienti. Quindi c’è una reale possibilità che per la prima volta nella storia della NATO sia una task force combinata altamente preparata . (VJTF, Vanguard da 5.000 uomini, MR) O anche l’intera forza di risposta della NATO (40.000 uomini, MR) si svilupperà”.

A Kiev, i civili, compresi i giovani, sono addestrati militarmente da organizzazioni di estrema destra.foto di Reuters

La difesa belga è pronta per questo?

Il problema più grande per il Belgio è la mancanza di profondità nella prontezza del nostro esercito. Per il VJTF, abbiamo l’unità e ulteriori F16 pronti. Il problema è cosa viene dopo. In termini di unità e supporto, ci troveremo di fronte a delle scappatoie una volta che la NATO entrerà in modalità di piena difesa nell’Europa orientale. La nostra struttura difensiva è già stata ampiamente sfruttata gestendo le difese “incidenti” esistenti, come i pattugliamenti aerei nel Mar Baltico. In caso di conflitto prolungato, la difesa belga avrebbe poca profondità per inviare continuamente rinforzi alla NATO. Possiamo schierare temporaneamente più persone, ad esempio reindirizzando i soldati alla missione in Mali, ma semplicemente non abbiamo i numeri per supportare molte compagnie. (Un’azienda è di circa 150 uomini, MR) Operare per un periodo di tempo più lungo.

E questo potrebbe essere difficile anche per la nostra Aeronautica e Marina. La difesa lo capisce, ma a livello politico il contributo richiesto per la difesa collettiva dell’Europa purtroppo non è stata la massima priorità. Ora sta migliorando con nuovi investimenti, ma ci vorranno molti anni prima di ricostruire questa profondità necessaria. Il Belgio ha grandi aspettative per la difesa europea, ma ora che stiamo affrontando una crisi di sicurezza europea, è necessario rendere ancora una volta la difesa collettiva regionale una priorità assoluta”.

Nel frattempo, Putin sta intensificando la sua guerra ibrida. Un cavo di comunicazione marittima è stato tagliato vicino alla Norvegia e siamo stati esposti ad attacchi informatici… Ti aspetti di più da questo tipo di sabotaggio?

“Man mano che vediamo un’ulteriore escalation, questi tipi di incidenti si moltiplicheranno, anche sul nostro suolo”.

In passato, i troll russi hanno hackerato e provocato digitalmente movimenti di protesta. Succede anche con la protesta dei camionisti?

“Quello che è indiscutibile è che la Russia è molto abile nel coltivare sentimenti filo-russi e proteste anti-governative all’estero, anche attraverso i social media. Non è sempre possibile avere contatti diretti, ma si vedono sempre gli stessi schemi di disinformazione, anche adesso .”

READ  Il Kazakistan si rifiuta di combattere con i russi in Ucraina