QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Estonia si sbarazza delle antichità sovietiche in una città di confine

Le reliquie del periodo in cui l’Estonia faceva parte dell’Unione Sovietica scompariranno dalla città di Narva. Sono divisi in una città con una grande popolazione russa.

Sebbene il Dipartimento delle antichità sia una competenza locale in Estonia, è stato il primo ministro Kaja Kallas a dichiarare che le antichità dell’era sovietica sarebbero scomparse dalle strade di Narva. Il governo locale è stato a lungo scettico su questo problema e non è riuscito a risolvere il problema. Pertanto, il livello nazionale ha preso in mano la situazione.

Con poco più di 50.000 residenti, Narva è la terza città più grande del paese. Più dell’80% della popolazione è di origine russa. La città si trova vicino a Ivangorod, in Russia. Il Ponte dell’Amicizia collega le due città.

L’Estonia teme da tempo che il Cremlino voglia stringere la presa sui russi sul suo territorio. “Nessuno vuole che un vicino ostile provochi tensione nel nostro Paese”, ha detto Kallas, spiegando che la questione va oltre il livello locale. Nel 2007 sono scoppiate rivolte con i giovani di lingua russa quando un monumento in onore dell’Armata Rossa è scomparso dalla capitale, Tallinn.

Fino a 400 monumenti

Il monumento che ha acceso la discussione è stato un carro armato russo T-34. Da stamattina non è stato in piedi su un piedistallo sul ciglio della strada, ma ora si sta dirigendo verso un museo della guerra vicino a Tallinn. Diventeranno “neutrali” anche le lapidi per le vittime della guerra. Entro la fine dell’anno, dalle strade dell’Estonia saranno scomparsi dai due ai quattrocento monumenti, promette il governo.

READ  La dichiarazione di Versailles mette l'UE sulla strada giusta verso una difesa più forte e una maggiore indipendenza


Il ponte dell’amicizia russa collega Ivangorod (a sinistra) all’estone Narva (a destra).

Foto: ca

La Russia è arrabbiata per la decisione degli estoni. I russi lo considerano un insulto ai combattenti sovietici che hanno liberato il loro paese dai nazisti. Dopo l’occupazione nazista, lo stato baltico è stato incorporato nell’Unione Sovietica ed è diventato indipendente nel 1991. L’Estonia in seguito è entrata a far parte della NATO ed è ora conosciuta come un paese che ha preso una linea dura contro Mosca.

L’Estonia ha precedentemente lanciato un appello insieme alla vicina Finlandia per ridurre significativamente il numero di visti per l’Europa per i russi. La Finlandia ha messo un numero su quel giorno: il Paese vuole ridurre il numero di visti rilasciati al dieci per cento del numero attuale. Entrambi i paesi stanno esortando gli altri stati membri dell’UE a frenare i visti. Il primo ministro estone ha affermato che visitare l’Europa è un privilegio e non un diritto umano.