QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Europa deve affrontare la più grande epidemia di influenza aviaria di sempre

Lo riferisce il Friedrich Loeffler Institute, che conduce ricerche nel campo del benessere degli animali per conto del governo tedesco. L’influenza aviaria è comune in tutta Europa. Dall’inizio di ottobre sono state rilevate 675 infezioni negli uccelli selvatici. 534 casi sono stati identificati negli allevamenti di pollame. I ricercatori dicono che “la fine non è ancora in vista”.

Israele

L’allarme è attualmente lanciato in Israele sul virus. Più di 5.000 gru sono state uccise nel nord del Paese. Centinaia di migliaia di gru sorvolano Israele ogni anno durante il loro viaggio verso l’Africa. Una piccola parte rimane in campagna per trascorrervi i mesi invernali.

Il ministro israeliano per il clima Tamara Zandberg ha descritto la tragedia come “il più grande danno alla natura nella storia del Paese”. Il ministero della Salute ha invitato i cittadini a stare alla larga dagli uccelli selvatici. Dovrebbero anche fare molta attenzione quando acquistano pollame e uova e riscaldarli bene durante la preparazione.

Pericolo per le persone

Per gli esseri umani, la possibilità di contrarre l’influenza aviaria è molto ridotta, a meno che non si avvicinino agli animali malati. Ma se si verifica una contaminazione, il virus può essere pericoloso. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), sono 863 i casi noti di persone che hanno contratto l’influenza tra il 2003 e il 2021. Più della metà di loro è morta. La maggior parte dei decessi si è verificata in Asia, in società in cui le persone vivevano vicino agli animali.

Attualmente non sono noti casi di trasmissione da uomo a uomo dell’attuale virus dell’influenza aviaria. Tuttavia, gli scienziati temono che prima o poi il virus si trasformerà nella forma che assumerà.

READ  Il Perù corregge il numero di morti di Corona e improvvisamente è in cima alla lista dei paesi più colpiti da Corona nel mondo | all'estero