QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Europa sfida la Polonia con sanzioni finanziarie

Dopo due sentenze della Corte di giustizia europea sulla Camera disciplinare polacca per i giudici, la Commissione europea prevede di imporre sanzioni a Varsavia. Un nuovo rapporto della commissione mostra l’ulteriore indebolimento dello stato di diritto, della democrazia e della libertà di stampa in Polonia, Ungheria e Slovenia.

La Commissione chiede ora alla Polonia di conformarsi alle decisioni della Corte europea sulla Corte costituzionale di Varsavia. Il governo polacco deve annunciare entro il 16 agosto le misure adottate per conformarsi alla sentenza europea. Se Varsavia non lo farà, la Commissione chiederà alla Corte di giustizia europea di imporre un’ammenda e una sanzione. Se si scopre che la Polonia non ha completamente abolito la controversa camera disciplinare, la commissione aprirà una nuova procedura per la violazione, comprese le sanzioni pecuniarie.


L’intero sistema giudiziario in Polonia è problematico e una minaccia per lo stato di diritto.

Vera Jourova

Vicepresidente della Commissione europea

“L’intero sistema giudiziario in Polonia è problematico e una minaccia per lo stato di diritto”, ha affermato il vicepresidente della commissione Vera Jourova. “Abbiamo dovuto rispondere rapidamente ora che Varsavia sta attaccando il primato del diritto europeo”. La Corte di giustizia europea ha stabilito la scorsa settimana che “non vi è assolutamente alcuna garanzia dell’indipendenza e dell’imparzialità dei giudici”. Una camera disciplinare sotto il controllo politico è del tutto incompatibile con lo Stato di diritto indipendente. Jourova ha detto che le sanzioni influenzeranno questa storia.

soldi di produzione

Il passaggio legale pesante in Polonia coincide con a Relazione annuale Commissione per l’istituzione dello Stato di diritto, della democrazia e della libertà di stampa in ciascun paese. Non è un caso che questo rapporto noti un deterioramento strutturale nei due paesi più problematici d’Europa, Polonia e Ungheria. Quest’anno, oltre al quadro giuridico più ampio e agli adeguati controlli ed equilibri in atto, la relazione esamina anche la lotta alla corruzione e lo stato di libertà e pluralismo dei media.

READ  Il consiglio di sorveglianza di Facebook conferma Zwarte Piet Ban

In Polonia e Ungheria il pluralismo dei media è minacciato. Il rapporto dell’UE indica accuse di intimidazione e mancanza di protezione adeguata per i giornalisti, anche contro la brutalità della polizia. È stato inoltre sottolineato il declino della libertà di stampa in Slovenia. “Gli attacchi e le minacce contro i giornalisti rimangono un problema”, ha aggiunto il commissario europeo alla Giustizia Didier Reynders.

L’eurodeputato Tom Vandinkdeljere (CD&V) esorta la Commissione a collegare il rapporto alla nuova legislazione europea a tutela del nostro bilancio: “Di cos’altro ha bisogno la Commissione europea per attivare il meccanismo e combattere la corruzione? La Commissione sottolinea nero su bianco l’erosione sistematica della regola di diritto in paesi come l’Ungheria.Non possiamo più guardare i soldi dei contribuenti europei “finire lì nelle tasche degli amici e delle famiglie dei politici”.


Non possiamo più guardare i soldi dei contribuenti europei in Ungheria finire nelle tasche degli amici e delle famiglie dei politici.

Tom Vandenkindlery

Membro del Parlamento Europeo (CD&V)

Oltre alle sanzioni legali, la commissione può anche ritardare o rifiutare la sua valutazione dei piani di risanamento polacchi e ungheresi. I rendering hanno già suggerito questa opzione più volte. Nei prossimi anni, la Polonia avrà diritto a quasi 24 miliardi di euro tramite la nave di recupero europea, ma non esiste un buon sistema di audit e un sistema giudiziario efficace. I colloqui con l’Ungheria sono in stallo da tempo per le stesse ragioni. Budapest conta su 7,2 miliardi di euro dal Recovery Pot europeo.

Belgio

Né il rapporto del Belgio è roseo. La Commissione chiede al Belgio di fare di più nella lotta alla corruzione. La Commissione è inoltre preoccupata dalla “persistente mancanza di dati giudiziari coerenti, affidabili e standardizzati” nel nostro Paese. Il nostro Paese è stato spazzato via anche perché molti giornalisti, soprattutto reporter donne o reporter di una minoranza etnica, sono vittime di una campagna di odio online.

READ  Gli Stati Uniti e le forze della coalizione lasciano la base aerea afgana di Bagram | all'estero

Leggi anche