QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’ex ministro degli Esteri russo: “La Russia può e deve essere sconfitta in Ucraina” | Guerra Ucraina e Russia

Secondo l’ex ministro degli Esteri russo Andrei Kozyrev (71), è possibile espellere la Russia dall’Ucraina. In effetti, dovrebbe accadere. Non crede alle argomentazioni addotte per non farlo, come l’imminente guerra nucleare. “Se l’Ucraina e l’Occidente si arrendono, il ricatto non conoscerà limiti”.

uno sguardo. Alla fine di settembre, Putin parlava ancora di iniziare il ricatto nucleare:

Kozyrev ha pronunciato il suo discorso sui social media. È stato ministro degli esteri sotto il presidente russo Boris Eltsin dal 1990 al 1996, ma è stato poi ringraziato per i suoi servizi perché, secondo il parlamento russo, ha cercato troppo il riavvicinamento con la NATO.

Secondo l’ex ministro, vengono avanzate due argomentazioni opposte per non sconfiggere la Russia in Ucraina: 1) la Russia è troppo forte, una superpotenza che utilizzerà le sue armi nucleari e 2) la Russia è troppo debole, quasi uno stato fallito che cadrà . allo sbando.

minacce

“Entrambe le minacce sono esagerate”, dice. “Se li valuti realisticamente, arriverai alla conclusione opposta: la Russia può e deve essere sconfitta in Ucraina”.

Andrei Kozyrev (retro) in una foto d’archivio con l’allora presidente russo Boris Eltsin. © TASS tramite Getty Images

Secondo Kozyrev, Putin ei suoi soci capiscono che non si può vincere una guerra nucleare, e quindi è meglio non avviarla. “Non per il bene dei milioni di potenziali vittime della guerra nucleare, ma perché anche loro moriranno. Tuttavia, sono alla ricerca di denaro, potere e fama, non di suicidio”.

Pertanto, il fatto che minaccino di usare un’arma nucleare tattica in Ucraina ha solo lo scopo di spaventare Kiev e l’Occidente alla sottomissione. Ha continuato: “Se l’Ucraina e l’Occidente si arrendono, il ricatto non conoscerà limiti”.

armi nucleari

Secondo l’ex ministro, Mosca in realtà non intende utilizzare armi nucleari, come dimostra il fatto che non ha attuato le sue minacce quando l’Occidente ha iniziato a fornire armi all’Ucraina. Solo se si tratta di invadere la Russia e l’esistenza stessa del paese è minacciata, dice, il Cremlino si sentirà obbligato a tirare fuori le armi nucleari.

“Pertanto, gli Stati Uniti e la NATO devono essere chiari sul loro obiettivo nell’aiutare l’Ucraina e sulla loro definizione di vittoria: ripristinare la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina in conformità con il diritto internazionale”, ha affermato Kozyrev. Questa vittoria sarebbe ben lungi dall’essere una minaccia esistenziale per la Russia o per Putin.

uno sguardo. Il nuovo ministro della Difesa tedesco ha annunciato di aspettarsi una rapida decisione sui carri armati Leopard.

Lo stesso Putin può anche trasformare questo risultato in una vittoria per il suo Paese. Che gli obiettivi dell’invasione – denazificazione, smilitarizzazione e fine del genocidio nel Donbass – erano stati raggiunti e che Putin ha anche insegnato alla NATO una lezione passeggera: mai pensare di attaccare la Russia. “Come se fosse così prima”, dice Kozyrev.

Corea del nord

Senza riforme, vede la Russia successivamente relegata in una sorta di “gigantesca Corea del Nord”: “un Paese depresso dipendente dalla Cina e brandente armi nucleari”. Se la NATO e Washington non abbandonano l’Ucraina adesso, allora Mosca non oserà attaccare un potente vicino protetto dall’America in futuro. Come Pyongyang, ha detto l’ex ministro.


Il rapporto sulle brutali tattiche del gruppo Wagner rivela: “La morte di migliaia di soldati non ha importanza per la società russa”

READ  La Turchia non rilascia Osman Kavala nonostante l'avvertimento del Consiglio d'Europa