QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’ex presidente sudafricano Zuma ha riferito di essere stato in prigione | all’estero

L’ex presidente sudafricano Jacob Zuma, 79 anni, condannato a 15 mesi di carcere, si è registrato mercoledì in carcere. Lo ha annunciato la sua organizzazione.




È stato riportato su Twitter che “Zuma ha deciso di rispettare il mandato di arresto. Si sta dirigendo verso un istituto di correzione” nella provincia di KwaZulu Natal. Questo annuncio arriva pochi minuti prima della scadenza del termine. La corte ha stabilito che Zuma dovrebbe costituirsi entro la mezzanotte al più tardi. Un convoglio di dozzine di auto aveva lasciato la casa di Zuma mezz’ora prima.

La scorsa settimana, la Corte Costituzionale ha condannato l’ex capo di Stato a 15 mesi di carcere per oltraggio alla giustizia per essersi ripetutamente rifiutato di testimoniare nelle indagini per corruzione.

Possibile penalità di revisione

È la prima volta che un ex presidente del Paese viene incarcerato. Zuma è stato presidente dal 2009 al 2018. Ma il suo mandato è stato oscurato da accuse di corruzione.

Inizialmente, fu deciso che Zuma sarebbe stato portato in prigione al massimo domenica sera. Ma l’ex presidente ha fatto diversi tentativi per ribaltare questa decisione. Il 12 luglio la Corte Suprema del Sudafrica ascolterà anche la richiesta di Zuma di annullare la sua pena detentiva.

Secondo i media sudafricani, gli avvocati dell’ex presidente 79enne sostengono che la pena detentiva è in pericolo di vita, date le sue cattive condizioni di salute. Pertanto, ha il diritto di rivedere la sentenza, dicono.