QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’ex primo ministro della Costa d’Avorio condannato all’ergastolo per “disturbo della sicurezza dello Stato” | all’estero

L’ex primo ministro ivoriano e leader dei ribelli Guillaume Soro è stato condannato all’ergastolo mercoledì per “minare la sicurezza dello Stato”. I fatti risalgono alla fine del 2019.




Il tribunale penale di Abidjan ha condannato a 20 anni di carcere Souleymane Kamagati, l’ex capo del protocollo Soro, il suo ex ministro Afossi Bamba e il suo ex capo delle comunicazioni Toure Musa. Due dei fratelli di Soro e il suo ex braccio destro, Alain Le Bonignon, sono stati condannati a 17 anni di carcere per “disturbo dell’ordine pubblico”.

Il tribunale ha disposto la confisca dei beni di Soro e dei suoi diciannove coimputati, e lo scioglimento delle sue Générations et peuples Solidaires, accusate di “atti di sabotaggio”. Insieme, i condannati devono pagare 1 miliardo di franchi CFA (circa 150 milioni di euro) allo Stato ivoriano.

Soro è stato accusato di aver pianificato una “rivolta civile e militare” per spodestare il potere al suo ritorno in Costa d’Avorio nel dicembre 2019, dieci mesi prima delle elezioni presidenziali dell’ottobre 2020.

Guillaume Soro, 49 anni, che vive all’estero, era il capo dei ribelli che hanno preso il controllo della metà settentrionale della Costa d’Avorio negli anni 2000. Alassane Ouattara ha aiutato a salire al potere in una crisi post-elettorale 2010-2011, in cui il presidente uscente Laurent Gbagbo ha rifiutato di ammettere la sconfitta. Soro divenne primo ministro nel governo di Ouattara, ma dopo ci fu una spaccatura tra loro.

La Costa d’Avorio emette mandato di cattura per il candidato presidenziale Guillaume Soro