QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’icona omosessuale Rafaella Cara muore quando l’Italia ha più bisogno

Rafaella Cara è morta ieri a Roma. Da tempo soffriva di cancro ai polmoni. L’Italia perde una delle sue più grandi icone dello spettacolo perché ha avuto una carriera impressionante.

La maggior parte degli olandesi conosce Kara come cantante. lei ha colpito Inizi ad innamorarti Riuscito a livello globale. Ha avuto molti successi, soprattutto in Italia. Ha anche ballato in film e spettacoli italiani. Divenne molto popolare negli anni ’60.

Neanche gli spagnoli potevano ignorare Cara. Negli anni ’70 si è trasferito in Spagna e ha iniziato a produrre album in lingua spagnola. Ha dato molti spettacoli lì. Più tardi, Cara partì per l’Argentina. È molto conosciuto anche in America Latina.

L’Italia torna all’Eurovision Song Contest

Finalmente è tornata in Italia. Negli ultimi anni è stato visto come allenatore La voce dell’Italia. Inoltre, ha confermato il suo ritorno all’Eurovision Song Contest nel 2011 dopo molti anni di assenza. In quell’edizione gli italiani conquistarono subito il secondo posto. Quest’anno, dieci anni dopo, sono al primo posto.

“L’Italia sta perdendo una stella nazionale”, afferma la giornalista Anouk Boone. “Il lutto è condiviso in tutto il Paese. Si può parlare di lutto nazionale. Era molto amata da uomini, donne, anziani e giovani. È stata il primo grande idolo pop femminile italiano”.

I social stanno traboccando

“Ora Carey suona musica ovunque. Non potevo aprire i miei social media o le foto, le vecchie foto e i suoi video”.

Kara era anche conosciuta come omosessuale. Ha ripetutamente parlato per i diritti dei gay. Ha anche scritto la canzone Luca, In esso canta dei due ragazzi che incontra. Nel 2017 ha ricevuto il World Pride Award per la sua dedizione alla comunità LGBTI.

READ  Highlights TV per il 14 marzo: Grammy Awards in Italia e Doc | tv

imprigionamento

La comunità LGBTI italiana ha bisogno di una persona così, soprattutto adesso. C’è stato un lungo dibattito sulla legge che meglio protegge la società dai crimini violenti. “Questo non è sicuramente un codice di condotta”, afferma il giornalista Anook Boone. “La legge prevede anche sanzioni come la reclusione e il servizio sociale contro gli autori di discriminazioni e violenze”.

L’aiuto della legge per le vittime. “Ad esempio, a Roma ad aprile a un uomo gay che è stato aggredito perché indossava lo smalto”, dice Boone. “O la donna disabile che è stata aggredita a Napoli. E’ stata poi filmata e postata su Internet. La vittima non ha denunciato ulteriori minacce e timore di violenze”.

Croce Vaticana

Tanti italiani sostengono la legge. Anche la Camera dei Rappresentanti italiana ha avuto una maggioranza a favore. Ma ora la legge deve essere approvata dal Senato, dal Senato. Ed è liscio. Perché, tra l’altro, il potente Vaticano è un ostacolo e rafforza i politici di destra.

Il Vaticano teme che la legge ostacolerà la libertà religiosa. I sacerdoti saranno puniti se si rifiutano di sposare omosessuali o se le coppie omosessuali sono contrarie all’adozione. Quindi vogliono che la legge venga modificata o meno.

Vedono il sostegno per questo da parte dei partiti conservatori di destra. Il populista di destra del partito Lego Matteo Salvini ha dichiarato: “Ringrazio il Vaticano per la sua buona conoscenza.

Altri politici sono arrabbiati perché il Vaticano, un paese ufficialmente indipendente, sta interferendo nella politica italiana. Il presidente del Consiglio Mario Draghi è uno di questi. “Viviamo in un paese laico, non in uno stato laico. Il Parlamento è libero di discutere le leggi”.

READ  L'Eco Home è disponibile anche per questo autunno

clamore elettorale

“Il Senato dovrebbe votarlo tra poche settimane”, ha detto il giornalista Boone. “Ma anche fissare la data esatta è una seccatura. Una parte vuole un rinvio, l’altra no. Quindi c’è già un dibattito su come metterlo all’ordine del giorno”.

Quindi non è chiaro se la legge verrà approvata. Quindi il Vaticano ottiene ciò che vuole per ora. O meglio, non piace.

Omaggio a EC

La comunità LGBTI italiana perderà l’icona Rafaella Cara. Questa sera, durante le semifinali Italia-Spagna degli Europei, verrà commemorata la sua morte. O addirittura spostato. Perché avrà grandi successi durante il riscaldamento Inizi ad innamorarti Bisogno di sentire. Chissà, Rafaella Cara, grande appassionata di calcio, porterà in finale la sua amata Italia.