QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“L’idea dell’idrogeno come panacea per tutto è una favola”, ma il Belgio ha ancora grandi progetti per questo

Il Belgio ha grandi progetti futuri per l’idrogeno. Ma attenzione: ci sono delle insidie. Auto a idrogeno: questa è una favola.

Jeroen van Hornbeek

Si aspettano un sacco di gente pulita all’Anversa Port House martedì. Il primo ministro Alexander de Croo (Open Vld), il ministro dell’Energia Tine van der Straten (verde), Ilham Kadri, la signora Solvay e l’alto funzionario europeo Michtheld Worsdorfer, verranno alla sede del porto di Anversa Bruges per la cerimonia di presentazione la nuova strategia federale sull’idrogeno.

La “strategia federale dell’idrogeno” non sembra entusiasmante, ma è importante.

Il fatto è che l’ambizione del governo De Croo è di trasformare il Belgio in un hub energetico europeo. Si tratta di gas liquefatto (GNL), elettricità e idrogeno. Più specificamente, l’idrogeno verde, un elemento costitutivo rispettoso del clima nell’industria realizzato utilizzando fonti di energia rinnovabile come turbine eoliche e pannelli solari. L’idrogeno è un gas infiammabile (H2) che non puoi uscire dalla terra come il petrolio o il gas naturale, deve essere fatto.

industria

Nella grande industria belga ed europea, l’idrogeno è già ampiamente utilizzato.

Questo “idrogeno grigio” – che viene estratto da gas, petrolio o carbone inquinati – funge da elemento costitutivo dell’industria petrolchimica. Ad esempio per la produzione di plastica e fertilizzanti. Anversa ha il secondo gruppo chimico più grande del mondo, dopo Houston negli Stati Uniti. Nel tempo, secondo i piani politici europei entro la metà del secolo, questo “idrogeno grigio” dovrebbe essere completamente sostituito da un’alternativa rispettosa del clima. Avete indovinato: principalmente attraverso l’idrogeno verde.

Thijs Van De Graaf (UGent): “L’idea dell’idrogeno come panacea per tutto è una favola”.Immagine di Wouter Van Vooren

“Ridurre le emissioni nocive dell’industria europea sarebbe un compito enorme”, afferma Thijs Van de Graaf, specialista in energia all’Università di Ghent. “Certamente perché vogliamo mantenere questa industria qui, con i posti di lavoro e la prosperità ad essa associati. L’idrogeno verde svolgerà un ruolo molto importante in questo. In Belgio sarà importante innanzitutto rifornire la nostra industria, soprattutto ad Anversa. Poi puoi anche guardare, ad esempio, alla regione tedesca della Ruhr.

Ci sono già gasdotti verso la Germania che potrebbero eventualmente rifornire il Paese, il motore economico dell’Unione Europea. Ci sono anche piani perStrada dell’oleodotto“.

Oman e Cile

Da dove il Belgio vuole ottenere l’idrogeno verde? Il nostro potenziale è piccolo, per un semplice motivo: non abbiamo energia rinnovabile in eccesso per produrre idrogeno.

Questo è il caso in altre parti del mondo. Questo di solito comporta guardare paesi stranieri lontani, dove c’è abbondanza di sole e vento. Ad esempio, il Belgio ha recentemente concluso accordi con l’Oman in Medio Oriente e il Cile in Sud America. Ma ci sono anche opportunità più vicine a casa. Norvegia e Scozia, ad esempio, sono paesi con lunghe coste di mulini a vento. Il governo sta studiando l’approvvigionamento nella stessa regione del Mare del Nord.

Dubbio

L’idea che l’idrogeno verde svolgerà anche un ruolo fondamentale nella transizione climatica al di fuori dell’industria è controversa tra gli esperti di energia. Far funzionare auto e camion con l’idrogeno, generare elettricità con l’idrogeno, riscaldare la casa con l’idrogeno: tutto questo è teoricamente possibile. In pratica, ci sono seri dubbi sul fatto che questa sia un’opzione conveniente.

“La corsa alle auto continua: le auto elettriche supereranno i modelli a idrogeno in circolazione”, afferma van de Graaf. “Con il trasporto pesante, l’idrogeno può ancora essere utilizzato su lunghe distanze. Pensa alle petroliere e agli aeroplani, perché le batterie elettriche di grandi dimensioni sono un problema. La generazione di elettricità dall’idrogeno è molto inefficiente. Lo stesso per il riscaldamento. Investire in esso sarebbe un enorme spreco. ” L’idea dell’idrogeno come soluzione La mia magia per tutto è una favola”.

Il governo De Croo sembra essere consapevole delle insidie ​​che circondano l’idrogeno. “Venti o trent’anni fa, abbiamo scelto di diventare un hub GNL. Oggi ne siamo molto contenti. Si tratta anche di essere il candidato più caldo per l’idrogeno”, sottolinea de Croo. “Ci sono molte opportunità per il Belgio di diventare la porta dell’idrogeno verso l’Europa. I nostri porti di livello mondiale e le infrastrutture di trasporto del gas naturale esistenti sono relativamente facili da adattare all’idrogeno”, aggiunge van der Straiten.

Il governo De Croo mette a disposizione un totale di 487 milioni di euro per una serie di progetti sull’idrogeno.

READ  "Non è divertente": la mamma Elon Musk risponde al suo brutto tweet sulla "morte misteriosa" | Guerra ucraino-russa