QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’IEA trova “inutile” il limite del prezzo della benzina in Belgio

Il Belgio dovrebbe abolire il massimale sui prezzi del carburante per auto il prima possibile. Questo è quanto consiglia l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) nella revisione della politica energetica belga.

L’attuale sistema, in base al quale il governo fissa i prezzi massimi per benzina e diesel, tra le altre cose, ostacola la concorrenza e l’introduzione di combustibili rinnovabili, ha scritto l’Agenzia internazionale per l’energia nella sua revisione completa e critica. Questo è il motivo per cui è meglio colpire il traguardo il più velocemente possibile.

Sono stati fissati prezzi massimi per i carburanti, ma anche per gasolio, kerosene, propano e GPL (tranne quelli venduti in bombola). Nella maggior parte degli stati membri dell’AIE, il governo ha da tempo tolto le mani dai prezzi del mercato dei carburanti. Ciò ha portato a un mercato dinamico dei carburanti per motori senza alcun impatto negativo sui consumatori.

Il sistema del price cap crea costi amministrativi sia per il governo che per le compagnie petrolifere, mentre non ci sono vantaggi evidenti. L’Agenzia internazionale per l’energia riferisce che il prezzo del diesel in Belgio è uno dei più alti tra i paesi membri dell’Agenzia internazionale per l’energia.

Dipende molto dai combustibili fossili

Un altro inconveniente è che il sistema “solleva una potenziale barriera” alla penetrazione sostenibile dei biocarburanti, perché non esiste un prezzo di riferimento per loro. Non è la prima volta che l’Agenzia internazionale per l’energia chiede la rimozione dei massimali di prezzo. Ciò è avvenuto anche negli audit condotti nel 2016 e nel 2013. Il settore stesso è favorevole alla tariffazione gratuita. Recentemente pallido Che il sistema del price cap obbligasse le stazioni di servizio a vendere carburante in perdita, anche se anche questo è vietato dalla legge.

READ  La vita di un milionario fiammingo di Bitcoin: donne africane, auto veloci, scontente del raid della polizia | Soldi

Nel suo rapporto completo, l’Agenzia internazionale per l’energia è stata molto critica nei confronti della politica energetica del Belgio. Nonostante i successi nella sua transizione energetica, il Belgio rimane fortemente dipendente dai combustibili fossili. Secondo il governo, la domanda continuerà ad aumentare almeno fino al 2030. C’è ancora molto lavoro da fare da parte di tutti i settori per raggiungere gli obiettivi di consumo di energia rinnovabile e riduzione delle emissioni”, ha scritto il CEO dell’AIE Fatih Birol nella sua introduzione.

Fissare obiettivi nazionali

Il rapporto contiene dozzine di raccomandazioni, una delle quali sta semplicemente rimuovendo i limiti ai prezzi dei combustibili fossili. Soprattutto, il Belgio deve adeguare urgentemente gli obiettivi nazionali, poiché l’Unione europea ha rafforzato la sua ambizione climatica di ridurre le emissioni del 55% entro il 2030.

L’AIE raccomanda inoltre di riformare i sussidi energetici per le famiglie vulnerabili al fine di aumentare il consumo di energia rinnovabile. Anche le tasse sull’energia devono essere riformate, anche eliminando un gran numero di dazi e tasse dal prezzo dell’elettricità.

Il fatto che l’elettricità sia costosa in Belgio, mentre il gas era a buon mercato fino a poco tempo fa, ostacola la transizione energetica. L’AIE ritiene inoltre che le procedure di lavoro infrastrutturale siano ora troppo pesanti, il che sta rallentando la transizione energetica. L’Agenzia internazionale per l’energia avverte che il collegamento della seconda regione di turbine eoliche al Mare del Nord, in particolare, non dovrebbe essere ritardato.

Kama Moves: Motiva la tua vita