QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Limone vs. Hinault, l’unica clip in assoluto al Col du Granon: power shift a tutto tondo | un viaggio

“Il grande colosso dimenticato”, così potrebbe essere descritto il Col du Granon. Solo una volta le ali di questa brutale colonna albanese sono state addomesticate al Tour de France. Questa clip unica nel 1986 divenne immediatamente un momento decisivo nel leggendario duello tra i compagni di squadra Greg LeMond e Bernard Hinault.

Il punto di non ritorno nella storia del viaggio

Per iniziare la storia, dobbiamo tornare indietro di un altro anno nella storia del ciclismo. Al Tour del 1985, Bernard Hinault dovette posizionarsi al fianco di Jacques Antell e Eddie Merckx con la sua quinta vittoria assoluta.

Anche il suo talentuoso compagno Greg LeMond deve essere nella stessa classe, anche se è stato sussurrato qua e là che l’americano era davvero più forte del suo capitano francese a La Vie Claire in quel momento. In cambio, Hinault ha dato pubblicamente la sua parola: un anno dopo, la vittoria del Tour sarebbe andata a LeMond e Hinault avrebbe aiutato in questo.

Tasso come una bestia aggressiva

Tuttavia, Hinault non sarà Hinault, se la storia viene rivelata accuratamente. Soprannominato “Le Blaireau”, il tasso è stato all’altezza del suo totem, cavalcando il Tour del 1986 come una bestia aggressiva.

Nella prima tappa di montagna verso Pau, è stato Hinault ad attaccare LeMond e a rinchiuderlo in un gioco di squadra. Alla fine, il francese ha preso il comando della maglia gialla, a più di 5 minuti dal suo “leader” americano.

Chi avrebbe mai pensato che la maglia gialla avrebbe calmato l’Hinault, non conosceva il 5 volte vincitore del Tour. Nella tappa successiva verso Superbagnères ha attaccato di nuovo, questa volta sulla pista Tourmalet a circa 100 chilometri dal traguardo.

Nei suoi anni migliori, una canzone del genere potrebbe aver avuto un lieto fine. Ma questo è il 1986, l’ultimo anno di Hinault nel gruppo professionistico. Il chouchou francese è stato scavalcato e lasciato sull’ultima salita. Il 31enne ha mantenuto la maglia gialla 40 secondi prima di LeMond, 6 anni più giovane di lui.

Per i giorni successivi, Hinault continuò a guidare come se fosse Dio. Sul palco dei fan, il francese è entrato nel gruppo di testa e LeMond ha dovuto inseguire di nuovo. Alla fine non ci sono state differenze di orario, ma l’americano ha minacciato di lasciare il tour se Hinault avesse continuato ad attaccare.

Accovacciato su Granon

In quella battaglia, i bombardieri entrarono nelle Alpi. La diciassettesima tappa si è conclusa sull’inesplorato Col du Granon, all’epoca con 2.413 metri il traguardo più alto di sempre del Tour, un record che sarebbe rimasto fino alla tappa di Galibier nel 2011.

Sopra Isaorde e su Granon, il più grande campione di ciclismo francese di sempre ha avuto una pausa dopo giorni di attacchi, stiramenti e infortuni al ginocchio.

La vittoria di tappa in sé è stata meno storica: lo spagnolo Eduardo Chozas ha guidato dal primo tempo alla vittoria. Ma Grannon passerà alla storia come il luogo in cui Hinault ha indossato la maglia gialla per la 79a e ultima volta, poiché il Tour del 1986 è stato deciso e dove finalmente LeMond ha preso il sopravvento.

E ora, dopo 36 anni, il gruppo del Tour è finalmente tornato nel grande gigante dimenticato. Curioso come oggi la maglia gialla Tadej Poujacar abbia respinto gli attacchi della concorrenza.

Alla fine, LeMond vinse il Tour 1986 contro Hinault, che lasciò la maglia a pois per tutta la sua azione offensiva

READ  Trasferimenti all'estero: l'ex Manchester United prende di mira il club Terrell Malacia | calcio straniero