QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’industria alimentare è al collasso per l’esplosione dei prezzi delle materie prime: “Il prezzo al consumo deve aumentare di almeno il 5-10%” | consumatore

Come molti altri settori manifatturieri, l’industria alimentare sta attualmente navigando in acque turbolente. La Brexit è stata solo la prima di cinque grandi ondate, poiché i costi di produzione degli esplosivi sono diventati i più pesanti. Il prossimo anno i prezzi dei nostri prodotti alimentari dovrebbero aumentare dal 5 al 10%. “Come minimo, il nostro settore non vuole crollare”, ha detto Vivia, la confederazione belga dell’industria alimentare.




“Sappiamo che c’è una tempesta in arrivo e avremo difficoltà a navigare attraverso di essa”. Anthony Bottelberg dice subito cosa intende quando ha nominato il nuovo capo di Fevia. “Le nostre aziende hanno vissuto ondate successive nell’ultimo periodo: Brexit, le varie ondate della crisi Covid, la nostra esplosione dei costi, carenza di manodopera e la perdita economica di milioni di richiami di ossido di etilene. Possiamo essere orgogliosi che come settore abbiamo non è crollato».

Male alla testa

Ora l’attuale quarta ondata di coronavirus minaccia di annullare una ripresa tanto necessaria, come sa fin troppo bene il nuovo presidente. Ma la preoccupazione principale per molte aziende alimentari sono gli alti costi di produzione, soprattutto se non possono (ancora) passare a causa di accordi contrattuali in corso. Secondo Fevia, la redditività in questo segmento è attualmente solo del 2,7%, un minimo storico. Nel 2015 era ancora del 4,5%. “Se poi sapessi che le materie prime che costituiscono la metà del prezzo di costo totale diventerebbero del 30% più care, e che la maggior parte del 10-25% del costo del salario aumenterebbe certamente del 4%, non avresti tornare indietro a lungo per sapere che sei pronto per affrontare la sfida.

READ  Le case automobilistiche più ottimiste sui chip dopo la scarsità | aziende automobilistiche

Risultato atteso dal 1° gennaio: prezzi più alti nei supermercati, ma anche in panetterie, macellerie e ristoranti. “In passato, l’imballaggio a volte diventava più costoso, o una certa materia prima, e potevamo ancora buttarla via con un piccolo incremento. È davvero senza precedenti che ora tutto stia salendo in modo così brutale allo stesso tempo”, afferma l’uscente Fevia Jan Vander Stechelen, presidente e direttore di Lotus Bakeries. Le trattative sui prezzi tra produttori e acquirenti per il prossimo anno sono ancora in corso, ma i consumatori non possono fare a meno di concludere che il pane e il burro diventeranno più costosi. Quanto costa? È più probabile un intervallo dal 5 al 10%. Permette al settore di sopravvivere, anche se alcuni produttori potrebbero avere ancora problemi”.


Citazione

Sappiamo che una tempesta sta arrivando e avremo difficoltà a navigare attraverso di essa. Possiamo essere orgogliosi che noi come settore non siamo crollati.

“La cosa peggiore è che la situazione peggiora ogni giorno”, afferma Bottelberg, che è lui stesso il direttore di Frigilunch, un produttore di piatti pronti con circa 220 dipendenti. “Latte in polvere, solo una materia prima su 600 che abbiamo: improvvisamente 100.000 euro in più. Questa settimana, il nostro storico fornitore italiano di pasta: “C’è una tale carenza, ma per il buon rapporto ti forniremo comunque. Ma lunedì pagherai un 35% in più. Senza possibilità di negoziazione. Entro aprile del prossimo anno, i nostri costi saranno più alti”.

giusto prezzo

Margini storicamente bassi non solo minacciano la sopravvivenza di un settore con molti imprenditori locali, ma ostacolano anche gli investimenti futuri. Bottelberg: “Come settore, vogliamo sicuramente contribuire a un sistema alimentare sostenibile con prodotti di alta qualità e innovativi. Questo è possibile solo se il consumatore paga il prezzo giusto alla fine del viaggio”.

Un carrello del cibo costa l’8 percento in meno in meno di 5 anni: ecco quanto c’è la differenza di prezzo tra la catena più economica e quella più costosa (+)

“In un giorno il prezzo di vendita è salito del 110%”: perché i prezzi da record sono alle stelle (+)