QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’inflazione non cresce più, i prezzi dei generi alimentari aumentano

Il contributo del carrello all’inflazione generale è in aumento.

Con un aumento dei prezzi del 25% in un anno, gli oli vegetali sono entrati tra i primi 10 tassi di inflazione. Al momento, i prodotti energetici dominano ancora questa classifica, con il gas naturale in testa. Quel carburante è diventato il 140% più costoso in un anno, secondo i dati sull’inflazione di aprile dell’Ufficio statistico belga Statbel giovedì. Il livello generale dei prezzi è aumentato dell’8,3%, lo stesso livello del mese scorso.

Mentre il contributo dei prodotti energetici a inflazione generale in Aprile diminuito, è aumentato il contributo dei prodotti alimentari. Ciò indica che il carattere dell’inflazione sta cambiando lentamente ma inesorabilmente. L’aumento dei costi di trasporto, riscaldamento ed energia sta colpendo sempre più l’economia in generale. Il fatto che i prezzi di alcuni prodotti alimentari stiano aumentando più rapidamente di quelli di altri prodotti e servizi ha a che fare con la guerra in Ucraina. Questo paese è un importante produttore di grano e olio di girasole. L’incertezza sulle esportazioni dall’Ucraina ha portato a prezzi più elevati per questi e prodotti correlati in tutto il mondo. Per questo motivo i prezzi alti del pane (+10%), della pasta e del cuscus (+12%) e dei cereali per la colazione (+9%). Ma anche i prezzi dei prodotti alimentari la cui disponibilità non è stata influenzata dalla guerra sono aumentati notevolmente: pesce fresco del 10%, latte del 9%, uova del 7%, burro del 14%, caffè del 12% e acqua minerale del 7%. centesimo Il tasso di inflazione per tutti i prodotti alimentari messi insieme è stato del 5,09%. A marzo, il tasso era del 4,63%.

READ  L'Unione Europea raggiunge un accordo per il lancio della rete internet satellitare IRIS² - IT Pro - Notizie

L’inflazione resta un problema in corso altrove in Europa. In Spagna, la cifra è scesa dal 9,8 all’8,4 per cento. In Germania c’è stato un leggero aumento. Ad aprile, la cifra era del 7,4%, secondo una stima preliminare, rispetto al 7,3% di marzo. Era il livello più alto dall’ottobre 1981.

“La recessione non è ancora in vista”, ha affermato Karsten Brzeski, economista di ING. Al contrario, le pressioni inflazionistiche si stanno allargando. Come in Belgio, in Germania l’attenzione si sta lentamente spostando dall’energia al cibo. In alcuni stati, i prezzi dei generi alimentari sono già aumentati di oltre il 10%. Ciò danneggia ancora di più i consumatori tedeschi, perché salari e benefici non sono correlati all’inflazione. Questo è il caso del Belgio. Brzeski tiene conto del fatto che l’inflazione tedesca supererà il 10 per cento la prossima estate e che la media per il 2022 sarà dell’8 per cento.

aumentare i tassi di interesse

Il persistere di un’inflazione elevata sta esercitando pressioni sulla Banca centrale europea affinché termini il suo programma di sostegno e inizi ad aumentare i tassi di interesse. Il programma di acquisto di obbligazioni terminerà quasi sicuramente dopo giugno. Successivamente, il percorso sarà aperto all’aumento dei tassi di interesse. Il ritmo di questo dipenderà da due cose: inflazione e crescita. Alzare il tasso di interesse non è una panacea. Le banche centrali non hanno alcuna influenza sui prezzi dell’energia.

Tuttavia, sempre più banche centrali stanno alzando i tassi di interesse. Ieri la banca centrale svedese ha deciso di aumentare i tassi di interesse dallo 0,00 allo 0,25%. È un cambiamento notevole. Fino a poco tempo, Riksbank riteneva che per il momento non sarebbe stato necessario aumentare i tassi di interesse. L’inflazione dilagante (6,1 per cento a marzo) ha portato i banchieri svedesi a cambiare idea. La Riksbank riconosce che un aumento dei tassi non cambierà i prezzi dell’energia. Tuttavia, potrebbe essere possibile impedire che l’inflazione si stabilizzi nell’economia attraverso la formazione dei prezzi e dei salari.

READ  Boss spara a 900 uomini tramite Zoom

Luis de Guindos, vicepresidente della Banca centrale europea, ha affermato ieri che l’inflazione è “vicina” al picco e che gli aumenti dei prezzi saranno meno visibili nella seconda metà.

Per garantire il potere d’acquisto, abbiamo un indice salariale automatico in Belgio. Ma è sempre una buona notizia? Il giornalista economico Stijn De Cock fa una dichiarazione con fiducia nel video qui sotto.