QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’influenza aviaria è arrivata: niente panico

Gli ambientalisti e i gestori della natura sono in allerta: proprio come l’anno scorso, l’influenza aviaria si sta diffondendo tra gli uccelli selvatici. La situazione nei Paesi Bassi non è certamente ancora troppo grave, affermano organizzazioni come Staatsb Glosbeheer. “I numeri non sono male per noi”, ha detto un portavoce. Tuttavia, “probabilmente diverse migliaia” di uccelli nei Paesi Bassi hanno ceduto a una variante altamente patogena dell’influenza aviaria, riferisce l’organizzazione di conoscenza Sovon Vogelundzok Nederland.

Ciò riguarda principalmente oche facciabianca, oche selvatiche, cigni reali, specie di gabbiani e uccelli della sabbia. Anche gli spazzini come il falco pellegrino, il falco e l’aquila di mare sono in pericolo. Venerdì, anche a una volpe del Brabante eutanasia è stata diagnosticata l’influenza aviaria. “La volpe è stata trovata all’inizio di dicembre e ha mostrato sintomi neurologici come camminare in cerchio, cadere e potrebbe essere stata cieca”, secondo Wageningen Bioveterinary Research (WBVR). L’influenza aviaria è stata rilevata anche in due giovani volpi la scorsa primavera. Questo è successo anche altrove in Europa con volpi, foche e lontre.

Leggi anche: Virus davvero incontrollabile

febbre e mal di testa

La probabilità che le persone prendano l’influenza aviaria è piccola e la malattia è generalmente più lieve negli esseri umani, riferisce RIVM. “Le persone che contraggono l’influenza aviaria hanno gli stessi sintomi della normale influenza invernale: febbre, mal di testa, dolori muscolari, tosse e infiammazione degli occhi”. Si raccomanda di evitare il contatto con animali morti e malati per ridurre il rischio di infezione.

L’attuale focolaio si è diffuso in tutta Europa. L’influenza aviaria è comune anche in Israele, dove di recente sono morte più di 5.000 gru. “Sembra molto pericoloso anche quest’anno”, afferma Nancy Berens, virologa della Wageningen Bioveterinary Research. “Ci sono 400 focolai negli allevamenti di pollame in Europa e anche il numero di uccelli selvatici che stanno morendo è enorme”. Berens scansiona gli uccelli morti per il virus H5N1 che è circolato quest’anno. L’anno scorso era un virus ad esso associato, H5N8.

READ  Lo studio ha rilevato che la variante delta non ha causato casi più gravi nei bambini e negli adolescenti

Uccelli acquatici morti sono stati trovati anche nelle riserve naturali olandesi come Oostvaardersplassen nel Flevoland. Ora sono sotto inchiesta. Gli uccelli sono stati trovati in un’area non aperta al pubblico. Si consiglia ai visitatori di stare lontano dagli uccelli che mostrano comportamenti devianti. “Gli uccelli possono fare movimenti incontrollati o sembrare molto assonnati”, ha detto. un permesso. Il consiglio vale anche per tenere i cani in primo piano, poiché possono anche prendere l’influenza aviaria, secondo il sito web di Staatsb Glosbeheer. In generale, il consiglio è di mantenere la calma e di non disturbare gli uccelli acquatici. Questo “riduce la possibilità di diffusione”, secondo il sito web di Staatsb Glosbeheer. Sofon Birding esorta inoltre tutti a stare lontano dagli uccelli acquatici e a prestare attenzione alla presenza di animali morti. “Lo hanno segnalato”, ha detto un portavoce. La popolazione di uccelli sarà spazzata via presto? “Vedremo le conseguenze, senza dubbio”, afferma il virologo Berens.

L’influenza aviaria causa il maggior danno all’allevamento di pollame; Dalla fine di ottobre, gli animali sono stati abbattuti in tredici aziende nei Paesi Bassi a causa dell’infezione e l’abbattimento preventivo è stato effettuato anche in cinque aziende. I Paesi Bassi hanno l’obbligo nazionale di rimanere in gabbia, nonché il divieto di visitatori. Finora in Europa sono stati abbattuti oltre otto milioni di uccelli. L’Autorità olandese per la sicurezza alimentare e dei consumatori (NVWA) non solo regola questi abbattimenti, ma identifica anche i rilevamenti di animali selvatici infetti. “In modo che le aziende della regione possano tenerne maggiormente conto”, ha affermato un portavoce dell’azienda. Nonostante tutte le misure igieniche, si aggiungono ancora aziende infette. Berens: “Questo dimostra quanto sia contagioso un tale virus. È sufficiente che un topo cammini nelle feci e vada nella stalla. Il virus può entrare in diversi modi”.