QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’influenza aviaria sta conquistando l’Europa: sei domande con risposta

Rispondiamo alle domande più importanti con Thijs Kuiken, Professore di Patologia Comparata all’Università Erasmus.

1. Come si riconosce un uccello infetto dall’influenza aviaria?

Il virus che ora sta circolando si moltiplica principalmente nel cervello. Gli uccelli si avvolgono il collo. Non possono più volare, spesso cadono e fanno i loro cerchi per camminare o nuotare.

Nel tweet qui sotto, vedi un uccello con l’influenza aviaria:

2. Qual è la variabile in circolazione ora e perché è così pericolosa?

“Un altro sottotipo H5 si sta ora diffondendo. Questa variante è nata circa 25 anni fa negli uccelli domestici in Cina. La variante esiste da alcuni anni. Ma la cosa speciale è che questa variante è stata trasferita agli uccelli selvatici. Gli uccelli migratori vengono a inverno In Europa e tu lo diffonda. E poiché il virus ora sta circolando negli uccelli selvatici, non hai alcun controllo su di esso. “

Ci sono buone probabilità che in futuro dovremo affrontare epidemie ed epidemie di virus più spesso. I nostri allevamenti intensivi sono un terreno fertile perfetto per i virus. Nel video qui sotto puoi vedere perché:

3. Questo virus è pericoloso anche per l’uomo?

“Può essere pericoloso per le persone. Circa 60 persone sono state infettate da questo tipo di virus, di cui circa la metà sono morte. È successo in Cina e Laos. In Europa il rischio è molto più basso perché non abbiamo contatti stretti. “Con pollame”.

Ma i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) in Europa hanno aumentato la valutazione del rischio per le persone che gestiscono il pollame in modo professionale da basso a medio basso.

READ  Sorpresa per i virologi: cervo dell'Ohio positivo al test

4. Perché la selezione non funziona bene per questa variabile?

“Circa trent’anni fa, il virus era meno comune. Le misure prese in quel momento – l’abbattimento – hanno permesso di eliminare il virus. Ma ora ci sono molti pollame, il che significa che il virus si sta diffondendo rapidamente. Nel Gelderland, nel Limburgo e nel Nord c’è una densità di pollame Nel Brabante è 18 volte superiore alla media europea.

“Di conseguenza, in combinazione con uccelli selvatici che trasportano il virus, l’abbattimento non è più possibile. Il virus è costantemente nell’ambiente. Isolare i pollai dall’ambiente è praticamente impossibile. Una volta che il virus raggiunge la casa, dal 90 al 100 percento finché non saranno morti tutti i polli o i tacchini”.

5. Perché non vacciniamo i polli contro l’influenza aviaria?

“La vaccinazione profilattica è una buona idea, ma l’Europa non l’ha scelta. I paesi al di fuori dell’Europa hanno una vaccinazione preventiva contro questo virus, come la Cina e l’Egitto. L’Europa ha preso decisioni sul virus prima, quando l’influenza aviaria non era altamente contagiosa. Molto comune. ” Era presente spesso. Poi avevi solo costi aggiuntivi dovuti alla vaccinazione.

“Inoltre, il 70% della produzione di pollame viene esportato all’estero, principalmente in Gran Bretagna e Germania. Erano contrari alla vaccinazione. Ma quei paesi ora stanno affrontando lo stesso problema, quindi suppongo che ora guardino alla vaccinazione in modo diverso”.

6. Quali sono le misure a lungo termine che possono funzionare?

“La vaccinazione è una misura temporanea. Per prevenire in futuro le varianti dell’influenza aviaria e di altri virus, è necessario riorganizzare il settore. Il mio consiglio è di ridurre gli stock di pollame, soprattutto nelle zone di concentrazione. È intelligente ridurre il numero di polli per allevamento e aziende meno vicine tra loro”.

READ  Cercasi collezionisti mobili per la settimana della raccolta MS | il ponte

“Inoltre, è opportuno escludere gli allevamenti di pollame in aree dove ci sono molti uccelli acquatici, perché non è possibile chiudere ermeticamente i pollai dall’ambiente. Per quanto riguarda questo virus, è necessario guardare non solo alla salute del polli, ma anche dalle persone che vivono vicino Di queste case in cui vivono. Ma la cosa principale è che ci sono meno polli in ogni fattoria e meno allevamenti insieme, quindi si riduce il rischio di diffondere la malattia”.