QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’influenza esercita ulteriore pressione sulle istituzioni sanitarie di Utrecht


Foto: Mojca-Peter via pixabay

Dal 21 dicembre 2022 c’è stata un’epidemia ufficiale di influenza nei Paesi Bassi. Nelle ultime due settimane, ospedali, medici generici e case di cura di Utrecht hanno dovuto far fronte a un aumento dei pazienti con influenza e all’assenteismo del personale sanitario. Ciò significa un’ulteriore pressione sulla capacità nella catena sanitaria, che potrebbe portare a tempi di attesa più lunghi per i pazienti. La crescente tendenza delle infezioni respiratorie sta ora causando una maggiore vigilanza tra gli operatori sanitari. Sul nostro territorio è ancora garantita l’assistenza in pronto soccorso.

Entro due anni dalle misure di Corona come il distanziamento sociale, il virus dell’influenza non aveva alcuna possibilità di diffondersi tra la popolazione. Queste misure sono ora terminate, quindi il virus dell’influenza ha più spazio per diffondersi. Alla fine dell’anno, 70 persone su 100.000 olandesi hanno segnalato sintomi simil-influenzali al proprio medico di famiglia. Nicolette Rigter è direttrice della sanità pubblica per la regione di Utrecht: “Chiediamo ai nostri operatori sanitari e ai pazienti che sono stati invitati da un operatore sanitario (ancora) di ottenere il vaccino antinfluenzale”.
Oltre al virus dell’influenza, attualmente circolano altri virus che causano disturbi respiratori, come il virus RS, il virus MERS, il metavirus umano e il rinovirus. Quindi è molto impegnato nell’intera catena sanitaria. Più persone con sintomi simil-influenzali vengono dai medici di base e ci sono più pazienti isolati in case di cura, case di cura e ospedali. Questo è in aggiunta alla capacità di cura che anche queste istituzioni forniscono.
Una tendenza all’aumento del numero di polmoniti è stata osservata in un numero relativamente elevato di persone anziane (65 anni e oltre). Inoltre, il virus RS è due volte più comune nei bambini rispetto a prima della pandemia di Corona. La scorsa settimana, l’Associazione Pediatrica Olandese (NVK) ha richiamato nuovamente l’attenzione dei pediatri sulla possibilità della diffusione nei bambini in tutta la regione. Questo non è necessario al momento.

READ  Il raro virus del vaiolo delle scimmie compare anche in Spagna e Portogallo