QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’inizio del “processo sex tape” contro Benzema: qual è il problema? | Sezione Primera

Inizia oggi a Versailles il tanto discusso processo sui sex tape contro l’attaccante del Real Madrid Karim Benzema. Il marcatore è sotto processo per la presunta estorsione all’ex compagno di squadra Matteo Valbuena nel 2015 e deve temere fino a 5 anni di carcere. Ma come è andata?

Nuovo smartphone

Tutto è iniziato nel 2014, quando Valbuena ha acquistato un nuovo smartphone. Quindi il centrocampista ha chiesto a un conoscente, Axel Angot, di trasferire i suoi dati memorizzati da un dispositivo all’altro. Durante questo trasferimento, Anjot ha scoperto un video sessualmente esplicito di Valbuena.

Angot, insieme a un compagno, ha deciso di ricattare Valbuena: se il calciatore non avesse pagato 150mila euro, avrebbe reso pubblico il video. Il mediatore Karim Zenati, ex detenuto e amico intimo di Benzema, è stato chiamato a trasmettere questo messaggio a Valbuena.

Allora Zenati chiese a Benzema di avvicinare Valbuena per una cena a Madrid. In un campo di addestramento a Les Bleus nell’ottobre 2015, è nata una conversazione tra Benzema e Valbuena. Benzema ha detto al suo collega che era a conoscenza del video trapelato e voleva il suo aiuto.

E presto i soldi furono discussi. Valbuena si sente in trappola, ma Benzema cerca di rassicurare il suo compagno di squadra. Gli assicura che tutte le copie del video scompariranno finché lui pagherà.

Valbuena, ecco il capitano Marsiglia.

persona indesiderata

Non molto tempo dopo, Valbuena va alla polizia con la sua storia. Uno per uno, le persone coinvolte nel caso sono state arrestate e interrogate, incluso Benzema. Quest’ultimo dice alla polizia che vuole solo aiutare Valbuena e liberarlo dal suo calvario.

Ma è lì che la scarpa si pizzica. Vari elementi della storia indicano la complicità di Benzema nella storia del ricatto. Ad esempio, ci sono intercettazioni telefoniche che rivelano che Benzema sta ridendo del caso. Benzema potrebbe anche dire che “Valbuena non prende ‘na’ sul serio.

Quando anche la stampa francese mette le mani sui dettagli del caso, esplode la bomba nel calcio francese. Benzema diventa persona non grata in Francia e conquista l’intero paese. L’allenatore della nazionale Didier Deschamps ha deciso poco dopo, anche a causa delle pressioni politiche del Primo Ministro, tra gli altri, di escludere Benzema dalla squadra nazionale.

Benzema non tornerà a Les Bleus fino a maggio di quest’anno, dopo essere stato graziato da Deschamps. Ha ringraziato Benzema, che quest’anno gioca con le Stelle del Paradiso per club e nazionale, con quattro gol all’Europeo della scorsa estate.

Benzema e Deschamps hanno appianato le pieghe all’inizio di quest’anno.

5 anni dietro le sbarre

Ma questo ritorno in Nazionale potrebbe essere di breve durata. Benzema dovrà essere processato alla corte di Versailles nei prossimi giorni. L’aggressore è colpevole di aver ricattato Valbuena? Ci deve essere una risposta a questa domanda.

Il tribunale francese sta già prendendo sul serio il caso, come dimostra la possibile condanna a cinque anni di carcere, che è attaccata al capo. La sanzione può arrivare fino a 75.000 euro.

Oggi, nel primo giorno del processo, Benzema è ancora in mora. Antoine Faye, avvocato di Benzema, ha già chiesto per “motivi professionali” la presenza del suo assistito: martedì sera ha giocato una partita di Champions League in Ucraina e domenica deve prepararsi per El Clasico contro il Barcellona.

L’assenza di Benzema ha subito suscitato il malcontento della squadra avversaria. Così, l’avvocato di Valbuena ha espresso il suo rammarico per il corso degli eventi: “Cinque anni fa, Benzema ha annunciato di volere un confronto con il mio cliente, spero che il tribunale ne tragga le dovute conseguenze”, ha detto.

Continua.

READ  Peter Vandenpumpt: "Il calcio è un gioco e il ciclismo è uno sport? È ormai superato da tempo" | Opinione