QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’insegnante perde tutti gli 11 ragazzi della sua classe nel massacro del Texas: “Gli stronzi dei poliziotti sono codardi” | All’estero

Un insegnante ferito in un massacro in una scuola elementare di Ovaldi, in Texas, ha criticato l’azione tardiva della polizia in un’intervista con ABC News. “Questi poliziotti bloccati sono codardi. Avevano scudi antiproiettile e io non avevo niente. Hanno il dovere di proteggere la popolazione e non ci sono scuse per il loro fallimento”, ha detto Arnulfo Reyes. Tutti gli undici studenti della sua classe sono stati uccisi. Inoltre , altri otto studenti sono morti e due dei suoi colleghi.


Reyes guardò indietro con orrore quel 24 maggio, il giorno che iniziò naturalmente. I bambini sono stati anche onorati per i buoni risultati scolastici. Dopo la cerimonia, alcuni studenti erano già usciti di casa con i genitori.

L’inferno sarebbe esploso sugli undici studenti rimasti nella sua classe. Stavano guardando un film quando all’improvviso ho sentito degli spari. “I bambini mi hanno chiesto cosa stesse succedendo, ma io non lo sapevo. Ho detto loro di infilarsi sotto il tavolo e fingere di dormire”.

Tutti morti di fila.  Eva Meirelles (44), Tess Mata (10), Rogelio Torres (10), Jose Flores (10), Maite Yuliana Rodriguez (10), Jackie Cazarez (9), Maranda Matis (10).  Ruolo: Xavier Lopez (10), Alexandria Aniyah Rubio (10), Aliahana Cruz Torres (10), Alithia Ramirez (10), Jailah Nicole Silguero (10), Uziyah Garcia (10), Navaho Bravo (10).  In basso: McKenna Lee Ellord (10), Annabelle Rodriguez (10), Amiri Joe Garza (10), Jace Carmelo Lovanos (10), Layla Salazar (11), Aliya Hana Amiah Garcia (9) e Irma Garcia (48).

Tutti morti di fila. Eva Meirelles (44), Tess Mata (10), Rogelio Torres (10), Jose Flores (10), Maite Yuliana Rodriguez (10), Jackie Cazarez (9), Maranda Matis (10). Ruolo: Xavier Lopez (10), Alexandria Aniyah Rubio (10), Aliahana Cruz Torres (10), Alithia Ramirez (10), Jailah Nicole Silguero (10), Uziyah Garcia (10), Navaho Bravo (10). In basso: McKenna Lee Ellord (10), Annabelle Rodriguez (10), Amiri Joe Garza (10), Jace Carmelo Lovanos (10), Layla Salazar (11), Aliya Hana Amiah Garcia (9) e Irma Garcia (48). © AFP

Braccio, polmone e schiena

In quel momento, Salvador Ramos è entrato nella stanza dall’aula accanto. Reyes è stato colpito a un braccio nel polmone e un altro è stato colpito alla schiena. “Sono rimasto in silenzio e ho pregato che nessuno dei miei studenti facesse rumore. Pensavo che sarei morto”.

L’uomo armato ha preso d’assalto la scuola alle 11:33 e si dice che abbia sparato un totale di più di 100 colpi. Sette agenti lo hanno seguito all’edificio, ma si sono ritirati durante una sparatoria. Alla fine ci sarebbero volute fino alle 12:50 prima che prendessi d’assalto l’aula.

Agenzia di stampa francese

© AFP

minuti interminabili

La Legione ha già dovuto subire molte critiche per questo intervento tardivo. Per Reyes, quei 77 minuti sono sembrati infiniti. Il fatto che diversi studenti nel frattempo abbiano chiamato i servizi di emergenza telefonicamente in una situazione di panico si aggiunge alla frustrazione.

“Dalla classe 112, un bambino ha chiesto aiuto”, ricorda l’insegnante. Gridò: “Agente, eccoci qui. L’assassino si è alzato in piedi, è andato laggiù e ha ricominciato a sparare”.

“Questi poliziotti sono codardi”, disse francamente Reyes. Erano lì, ma non hanno fatto nulla per tutto questo tempo. Non li perdonerò mai per questo. Quando finalmente seguì il raid, i proiettili volarono. Dopo di che non potevo più stare in piedi”.

Agenzia di stampa francese

© AFP

“niente scuse”

La lunga guarigione attende Reyes. “Più ci pensavo, più mi arrabbiavo. Almeno questi poliziotti indossavano giubbotti antiproiettile e io non avevo niente. Era loro dovere proteggere i residenti, non ci sono scuse per il loro fallimento”.

La perdita emotiva lascia cicatrici profonde. “Le famiglie hanno sofferto per il loro bambino, quel giorno ne ho persi undici. Mi sono scusato con i miei genitori. Ho detto ‘per favore, non essere arrabbiato con me’. Ho fatto del mio meglio e ho agito come mi era stato detto”.

Agenzia di stampa francese

© AFP

Le leggi sulle armi devono cambiare.

Per Reyes, è chiarissimo: nessuna formazione può preparare adeguatamente studenti e insegnanti allo scenario di un uomo armato in fuga. “Insegniamo loro a sedersi sotto il tavolo, ma è così che li trasformi in facili prede. Sono le leggi sulle armi che devono cambiare”.

Ora Reyes vuole cambiare la politica nel lavoro della sua vita. “Questi bambini e i miei colleghi devono essere morti invano. Continuerò a lottare per loro, anche se dovrò andare sulla luna”.

READ  Il generale Roman Kutuzov è stato ucciso in azione nel Donbass