QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’intelligenza artificiale sceglie la migliore opzione di trattamento per il cancro al seno

Per aumentare le possibilità di un intervento chirurgico di successo per il cancro al seno, i pazienti a volte vengono sottoposti a chemioterapia per ridurre il tumore prima dell’intervento chirurgico. Questo rimedio non funziona sempre, ma ha effetti collaterali spiacevoli. I ricercatori possono utilizzare l’intelligenza artificiale per prevedere chi è e chi non è la chemioterapia preoperatoria. Ma chi lascia una decisione così rigida al computer? In un ampio studio internazionale, i ricercatori di Maastricht stanno traducendo la tecnologia in pratica per aumentare la fiducia nell’intelligenza artificiale (AI).

L’intelligenza artificiale è un sistema informatico in grado di “imparare” dagli esempi. Ad esempio, un tale sistema può imparare a distinguere tra una mela e una pera analizzando migliaia di immagini di mele e pere e identificando le caratteristiche che le rendono diverse. Se il sistema vede quindi una nuova immagine della pera, determina da quale tipo di frutto dipende, ad esempio, forma, colore e dimensione.

Il professor Philip Lampin di Maastricht ha sviluppato un metodo per utilizzare l’intelligenza artificiale nelle immagini mediche, come la risonanza magnetica, la tomografia computerizzata o la tomografia a emissione di positroni (PET). Questo metodo è chiamato “radiologia”. Nel caso del cancro al seno, un sistema informatico utilizza le scansioni MRI per distinguere tra tumori che si riducono a causa della chemioterapia e tumori che non sono interessati dalla chemioterapia. Nelle scansioni MRI di nuovi pazienti, il sistema determina quindi se la chemioterapia avrà successo, ad esempio in base alla forma e alla struttura del tessuto tumorale. In caso contrario, la chemioterapia può essere evitata per il paziente e si possono considerare più rapidamente trattamenti alternativi.

READ  Continua a cercare le fastidiose zanzare

quindi fidati di me
Sebbene la tecnologia si sia ora dimostrata valida, la radiologia non è ancora utilizzata nell’assistenza sanitaria. Questo non è sorprendente, dice Lampin. “Ora puoi prendere una decisione basata sull’intelligenza artificiale, ma il dottore ha tutti i tipi di domande su quella decisione. Perché il sistema dovrebbe scegliere la chemioterapia e non la chirurgia? Quando il sistema ritiene che la chemioterapia abbia successo e quando no? Medici non accetterà una tale decisione senza un’adeguata spiegazione, senza mettere in discussione o verificare la decisione”.

Al momento non è possibile porre domande al sistema, ma Lambin lo sta cambiando. “Una specie di dialogo con l’intelligenza artificiale”, chiama questo sviluppo. Supponiamo che il sistema decida che la chemioterapia è la giusta scelta di trattamento. Quindi un medico può, ad esempio, ordinare una risonanza magnetica di un paziente in cui la chemioterapia ha avuto successo, per vedere le somiglianze tra le scansioni. Oppure possono studiare le differenze con una risonanza magnetica di un paziente che non è stato aiutato dalla chemioterapia. Possono anche chiedere al sistema di stimare l’impatto di opzioni terapeutiche alternative o quali saranno le conseguenze se il medico non seguirà la raccomandazione. Ciò consente ai medici di verificare la decisione dell’IA e decidere se approvarla. Solo quando i medici capiranno come prendere una decisione, inizieranno a utilizzare la tecnologia per i loro pazienti”.

ricerca internazionale
Tradurre la tecnologia scientifica in un metodo utile per i medici fa parte di “RadioVal”, un ampio studio in cui otto paesi di quattro diversi continenti collaborano per studiare l’accuratezza, la sicurezza e i benefici della radiologia per i pazienti con cancro al seno. La ricerca mondiale non è stata fatta per niente. Lampin: “La radiomica dovrebbe essere in grado di gestire immagini di diverse marche di scanner, con forme rare di cancro al seno e le forme più comuni di cancro al seno in alcune parti del mondo. La tecnologia dovrebbe essere equa e fare una buona previsione sul migliore opzione di trattamento indipendentemente da queste differenze.

READ  Ancora amputazioni, deturpazioni e cecità a causa di cure ritardate a causa di Corona

RadioVal non è l’unico edificio di ricerca internazionale sul lavoro di Lambin in radiologia. “Maastricht è ora il centro europeo di radiologia”, afferma.

Il progetto RadioVal è partito a settembre.