QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’istantanea aggiuntiva è davvero necessaria a causa della variabile delta?

Israele l’ha già iniziato Regno Unito Seguirà presto: un terzo vaccino contro il corona sarà offerto ai gruppi a rischio. Questo viene fatto con l’obiettivo della rapida propagazione della variante delta. In Israele il 60% della popolazione Completamente vaccinatoNel Regno Unito, il 53 per cento.

I Paesi Bassi dovrebbero anche considerare di offrire una dose extra, una terza o, nel caso del vaccino Janssen, una seconda? Anche qui la variante delta è diventata dominante in tempi record.

Gli esperti sono riluttanti a offrire vaccini aggiuntivi, senza escluderli in futuro.

Non c’è bisogno ora

L’immunologo Dimitri Diavatopoulos di Radbodomic non pensa che sia necessario in questo momento fornire una vaccinazione aggiuntiva. “È bene sottolineare ancora una volta che i vaccini corona non sono progettati per prevenire l’infezione. Sono fabbricati e registrati per prevenire malattie gravi e ospedalizzazione. E lo fanno”.

“Attualmente, non ci sono indicazioni che il virus stia penetrando nell’effetto protettivo dei vaccini”, afferma Marjolin van Egmond, professore di immunologia all’UMC di Amsterdam. “In pratica, i vaccini reggono bene”.

Divatopoulos ritiene che “non dovremmo nemmeno essere iperprotettivi. Dobbiamo accettare che l’infezione accadrà, purché gli ospedali non trabocchino”.

Marion Koopmans, membro dell’OMT e responsabile della virologia presso Erasmus MC, è d’accordo con i suoi colleghi. “Al momento, non vediamo alcun effetto della variante delta sull’insorgenza di malattie gravi. Ma una volta che lo noti, dovresti seriamente considerare l’introduzione di un vaccino aggiuntivo”.

vulnerabile

Non è ancora chiaro per quanto tempo i vaccini continueranno a proteggere da malattie gravi, ma questo sta gradualmente diminuendo. “Ma se la quantità di anticorpi diminuisce, hai ancora le difese delle cellule T e B del tuo sistema immunitario”, afferma Diavatopoulos.

READ  Sono necessarie ulteriori ricerche sui bambini nati morti: "I medici spesso si sentono confusi"

“Ha a che fare con la rapidità con cui diminuisce la protezione dai vaccini”, aggiunge Koopmans. “Lo vedremo presto nelle diverse fasce di età. In autunno avremo la prima foto di questo tra gli anziani che sono stati i primi a essere vaccinati. Poi si può decidere di dare ai gruppi a rischio booster Quindi una vaccinazione in più”.

Questa vaccinazione aggiuntiva può quindi essere offerta alle persone che ricevono anche una chiamata per ottenere un vaccino antinfluenzale.

Meno ospedalizzazioni

“Finora, gli anziani britannici hanno dimostrato di essere ben protetti con due colpi di AstraZeneca”, afferma van Egmond. “I vaccini rimarranno lì per ora. La stragrande maggioranza dei ricoveri ospedalieri è correlata a non vaccinati”.

Se i dati di Israele e Regno Unito mostreranno presto che le persone stanno beneficiando di una vaccinazione extra, le cose cambieranno. “Ma allora non dovremmo solo misurare l’aumento degli anticorpi dopo quell’iniezione extra, ma anche vedere un effetto positivo sul numero di ricoveri ospedalieri”, afferma van Egmond.

Prima i paesi poveri

Koopmans ritiene che la vaccinazione degli operatori sanitari e dei gruppi a rischio nei paesi poveri dovrebbe ora avere la priorità rispetto a vaccinazioni aggiuntive qui. Ma si rende conto che è improbabile che i governi siano d’accordo con questo. “È un po’ dappertutto: prima le persone proprie.”

Van Egmond pensa che la discussione su uno scatto in più sia una questione di lusso. “Ci sono paesi in cui solo l’uno per cento della popolazione è vaccinato. In Africa c’è un folto gruppo di persone non vaccinate che hanno l’HIV. Questo è un gruppo eccellente in cui possono emergere diversi tipi di virus che evitano il sistema immunitario e possibilmente riducono l’immunità Qui.

READ  Prima un autoesame, poi una festa illegale nel bosco

“Se c’è molta diffusione del virus nei paesi poveri, specialmente tra le persone con un sistema immunitario meno efficiente, può facilmente portare a mutazioni nel virus che non vogliamo”, afferma Diavatopoulos.

Quindi, proteggere la popolazione nei paesi poveri dove non esiste la vaccinazione è anche nell’interesse del prospero Occidente. “L’OMS lo dice da molto tempo, ma è ovviamente un interesse a lungo termine. Dobbiamo davvero mostrare solidarietà all’Africa”, afferma van Egmond.