QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia cattura Melnishenko, la barca a vela più grande del mondo

La barca a vela A è lunga 143 metri, il prezzo della barca è di 530 milioni di euro ed è ora nelle mani delle autorità italiane. Il proprietario, l’imprenditore russo Andrey Igorevich Melnichenko, protesta.

Pochi giorni dopo che l’uomo d’affari russo Andrey Igorevich Melnichenko è stato indicato come persona soggetta a sanzioni dell’UE, la polizia italiana ha sequestrato la sua super barca. Tali sanzioni sono arrivate dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

La barca a vela di Melnishenko cattura l’immaginazione. La nave, nota come Sailing Yacht A., è lunga 143 metri e ha un valore di 530 milioni di euro. La nave è stata catturata nel porto di Trieste Nord. La barca è stata progettata da Philip Stark e costruita dalla società tedesca Nobiskrug. Secondo il governo italiano, la Barca a Vela A. è la più grande vela della Terra.


Foto: REUTERS

Fino a poco tempo, il produttore di fertilizzanti Melnichenko era di proprietà del gruppo EuroChem e della società carboniera SUEK. Le due società hanno annunciato giovedì in una dichiarazione che Melnisenko si era dimesso dal consiglio di amministrazione delle due società.

Il portavoce di Melnichchenko, Alex Andreev, ha sottolineato che l’uomo d’affari non ha nulla a che fare con i tragici eventi in Ucraina e non ha alcuna affiliazione politica. “Non c’è giustificazione per includerlo nell’elenco delle sanzioni dell’UE”, ha affermato. “Sfideremo questi ostacoli infondati e ingiustificati. Crediamo che la legge e la giustizia prevarranno.

La polizia italiana ha sequestrato 700 milioni di euro di ville e barche dalla scorsa settimana. Appartengono tutti a ricchi russi soggetti alle sanzioni dell’UE.

“Per ora, abbiamo affrontato solo gli obiettivi visibili. Ora si parte con le scorte”, ha affermato Giuseppe Zafrana, capo della Guardia di Finanza italiana a Bergamo.

Separatamente, il superboat dell’uomo d’affari russo Roman Abramovich, Solaris, sarebbe arrivato nelle acque regionali del Montenegro sabato mattina. Questa volta la barca di 140 metri è stata ormeggiata nel resort di lusso di Porto Montenegro a Diuat pochi giorni dopo aver lasciato il porto di Barcellona martedì. Giovedì la Gran Bretagna ha imposto sanzioni anche ad Abramovich perché, secondo gli inglesi, l’uomo d’affari era vicino a Putin. I suoi beni sono stati congelati. Abramovich ha negato stretti legami con il presidente russo.

READ  Belgi in Spagna e Italia: successo misto per Janusz, Karasko e Mertens - uno di loro segna