QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia debole scappa dopo un thriller di rigore

Non ci sono ancora possessi in finale. Con un contropiede e un rigore strepitosi, l’Italia ha eliminato una brillante Spagna dall’Europeo. Jorkinho ha approvato la regola

Una partita di calcio dura 120 minuti e alla fine gli italiani vincono ai rigori. Non ci sono gli dei del calcio? Questo potrebbe essere stato il pensiero che molti spagnoli sono andati a letto disperati martedì sera. Per la settima volta, i due paesi si sono guardati negli occhi durante una fase finale. Gli spagnoli hanno vinto solo una volta. Nonostante una vera dimostrazione, le cose sono andate male di nuovo a Wembley martedì.

Una battaglia per il possesso e il dominio a centrocampo, questa prima semifinale è stata annunciata. La Spagna è stata sorpresa di non avere Morata o Moreno nell’attaccante, ma ha iniziato con un trio di Danny Olmo, Highsable e Ferran Torres. In Italia, Spinasola è stato sostituito da Emerson come previsto.

Dominare la Spagna

La Spagna può permettere a Petrie di ottenere molti palloni? Questa era una domanda importante prima che iniziassero questi fuochi d’artificio. Sì, è emerso subito dopo, ma quando l’espressione del Barcellona di 18 anni ha guidato l’Air Force con un passaggio stretto attraverso le linee italiane ha lasciato cadere miseramente la palla.

Una Spagna dominatrice ha fatto quello che i Red Devils non hanno potuto o non hanno potuto fare nel primo tempo: hanno giocato troppo e con troppo spazio nelle retrovie, hanno reso il campo più piccolo. E gli italiani, lamentandosi del ritmo elevato, hanno avuto molti problemi con questo. Dopo 25 minuti, ‘La Rose’ aveva non meno del 70 per cento della palla, e quando Olmo è stato in grado di segnare il gol più basso dal dischetto avrebbe dovuto essere sempre 1-0. Ma il portiere Donarumma ha salvato un’altra compulsione del gatto. La Spagna ha continuato il suo ritmo e ha continuato a fare pressione sull’Italia, ma la squadra di Enrique non è riuscita a ottenere molte occasioni da gol.

READ  Scopri l'Italia in bici

Gli italiani non fanno molto al riguardo. Un portiere Unai Simon è stato espulso da un pallone alle spalle della difesa spagnola, ma nessuno è stato in grado di determinare l’obiettivo. Per il resto, Insine & Co sono quasi invisibili. Mezz’ora fa dall’angolo obliquo finché Emerson non ha sfiorato il bar.

Dopo la pausa, il gioco si è fatto un po’ più intenso. La Spagna domina e tirano i canestri. L’Italia risponde subito con un tiro-cross al portiere Simon della Sisa. Tuttavia, gli spagnoli hanno continuato a venire fino a quando non hanno improvvisamente camminato sul coltello. La veloce rimonta ‘giapponese’ con Donarumma, Verratti e Insane arriva per fortuna al Sisa che di testa va in porta: 1-0.

La Spagna ha portato Morata e Morena e ha cambiato marcia. Ma Wireball ha continuato a schiacciare le contraddizioni. In compenso, dall’altra parte, la Ferrari è andata 2-0. Poi è arrivato il momento di Morata. Dopo un doppio passaggio con Olmo, taglia il cuore della difesa italiana e spinge bene dentro: 1-1. Punteggio finale dopo 90 minuti.

L’Italia era appesa alle corde, ma nei supplementari una Spagna persuasiva vedeva sempre arrivare una testa o una gamba italiana. Ferradi, invece, ha fatto tante minacce, ma invano. Calcio di rigore. L’Italia ha preso il comando. Nella finale di domenica si affronteranno Inghilterra o Danimarca.