QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia deve ancora ridurre la sua fuga di cervelli

In Italia il problema del drenaggio cerebrale è peggiorato negli ultimi anni. Lo afferma una nota emessa dalla Corte dei conti italiana Corte de Condi. Si stima che il deflusso di persone altamente istruite e professionali dall’Italia sia aumentato del 41,8 per cento negli ultimi otto anni.

Secondo Cேrdoba de Conti, questo fenomeno può essere attribuito, tra l’altro, alle limitate opportunità di lavoro dignitoso nel paese e ai salari più bassi rispetto alla parità di lavoro in altri paesi.

Opportunità

“Come in altri paesi, in Italia più giovani stanno terminando l’istruzione superiore”, ha affermato il tribunale italiano in un rapporto di audit. “Ma l’Italia ha avuto ben poco successo nell’ottenere quelli altamente istruiti”. Nel tuo mercato del lavoro Al canale. ‘

Rispetto ad altri Stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), l’Italia non è in grado di fornire posti di lavoro significativamente maggiori per questo gruppo rispetto a quelli con un livello di istruzione inferiore. Incoraggia molti italiani altamente istruiti ad andare all’estero: Ottime opportunità di lavoro e stipendio adeguato Vai a vedere. ‘

I successivi governi italiani hanno compiuto sforzi per controllare il drenaggio dei cervelli, secondo l’agenzia di stampa italiana Ansa. Il primo ministro italiano in carica Mario Draghi ha promesso di trasformare l’Italia in un paese di giovani. Vuole usare l’aiuto del programma di salvataggio del governo sostenuto dall’UE. ‘

Reddito basso

«È vero che gli ultimi dieci giovani italiani hanno optato per la formazione universitaria, ma quella cifra è addirittura inferiore a quella degli altri Stati membri dell’Ocse», continua Corte de Conte. “Anche questo ha a che fare con le limitate opportunità nel mercato del lavoro italiano”.

READ  Weekend di Formula 1 con tanto clima estivo in Italia

Il rapporto sottolinea inoltre che l’accesso alle università italiane è ancora difficile per i giovani provenienti da famiglie a basso reddito. “Oltre a molti fattori culturali e sociali, va anche notato che l’istruzione superiore italiana è caratterizzata da tasse universitarie significativamente più elevate rispetto a molti paesi europei”.

“Senza agevolazioni fiscali o prestiti, l’onere finanziario è quasi interamente sulle spalle delle famiglie. Pertanto l’adeguamento della normativa italiana è necessario per affrontare efficacemente il problema. ‘

Infine, le università italiane producono alcuni laureati significativi in ​​scienze, tecnologia, ingegneria e matematica – i cosiddetti campi STEM. “Ma gli investimenti pubblici nella ricerca scientifica italiana sono inferiori alla media europea”, ha affermato l’audit della corte italiana.

(jvdh)