QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia deve imparare a convivere con la siccità – Il Ministro – Notizie di Borsa

L’Italia deve imparare a convivere con la siccità – Il Ministro – Notizie di Borsa

La persistente siccità in Italia è il risultato del cambiamento climatico, il che significa che il paese deve adattarsi alla nuova realtà, ha detto a Reuters il ministro dell’Agricoltura Francesco Lolloprigida.

L’Italia ha bisogno di costruire più bacini per raccogliere l’acqua piovana, riparare urgentemente le reti idriche che perdono, riparare le dighe e spostare le colture tradizionali ma assetate dalle aree sempre più aride, ha affermato Lolloprigida.

“La siccità non è un’emergenza (una tantum), ma è legata al cambiamento climatico”, ha affermato il ministro, membro di spicco del partito nazionalista Fratelli d’Italia al governo.

L’Italia ha vissuto la sua peggiore siccità degli ultimi 70 anni nel 2022, e si teme che possa essere ancora peggiore nel 2023 a causa del continuo clima invernale secco.

Il governo questo mese ha nominato un commissario per affrontare la crisi, a capo di una task force di alti funzionari di vari ministeri.

“Dobbiamo utilizzare meglio l’acqua in agricoltura, investire nella ricerca, utilizzare nuovi sistemi di irrigazione a goccia e sotterranea e organizzarci per utilizzare al meglio ogni goccia d’acqua”, ha affermato Lolloprigida.

Le perdite dalle tubature sono un grave problema, ha affermato, con una media del 41,2% dell’acqua che viene persa dalla rete nazionale prima di raggiungere le condutture. A confronto: in Germania, secondo il ministro, lo spread idrico è del 6,5%.

Ha detto che l’Italia ha bisogno di costruire più bacini per assorbire le precipitazioni, perché le precipitazioni non sono diminuite drasticamente ma arrivano a raffiche brevi e improvvise come la scorsa settimana nella parte settentrionale dell’Emilia Romagna, causando inondazioni.

“Abbiamo solo l’11% di stoccaggio dell’acqua, ecco perché non tratteniamo l’acqua piovana”, ha detto.

READ  L'Italia anela a un vincitore del Grande Slam, che potrebbero svolgersi tutti e tre a Parigi

Una soluzione rapida sarebbe quella di riparare le quasi 530 dighe italiane in degrado, ha stimato, il 30% delle dighe del paese sono intasate.

Riconoscendo che la siccità è causata dal cambiamento climatico provocato dall’uomo, il ministro ha respinto le critiche secondo cui il governo sta cercando di contrastare gli sforzi dell’UE per ridurre le emissioni di carbonio e rendere più verde l’economia.

Da gennaio, l’Italia ha chiesto all’UE di ridurre il mandato per migliorare l’efficienza energetica degli edifici, rallentando i piani per eliminare gradualmente le auto con motore a combustione interna e mettendo in discussione gli sforzi per ridurre le emissioni industriali.

“Penso che dobbiamo essere più pratici e meno ideologici”, ha detto Lollobrigida, avvertendo dei rischi di trasformare l’industria italiana in un “deserto” dopo aver imposto severe restrizioni alla riduzione di CO2 mentre altri Paesi no.

“Se smettiamo di produrre CO2 dall’oggi al domani, ma alcuni paesi dall’altra parte del mondo aumentano la produzione attraverso l’energia, hanno un forte impatto ambientale… il pianeta non cambierà molto, anzi peggiorerà”, ha detto.